Home Essays I committenti delle mie opere
I committenti delle mie opere PDF Stampa E-mail

Sofia, i giovani pellegrini, Nefeli, i giovani infelici, Lorenzo e Virginia, Eftimios, Luciano

 

 

I committenti delle mie opere sono tante e tanti. Tra costoro non ci sono però partiti politici, istituzioni bancarie, ambasciate e accademie, televisioni e università private, e simili.

Come per un medico i committenti sono i pazienti, per un autore come me sono i suoi primi lettori – coloro che desideravano proprio quell’opera, che anche grazie alla loro provocazione (pro-vocare vuol dire manifestare a favore della voce, chiamare fuori e avanti) ha visto la luce.

Questo è un video-libro. Un genere relativamente nuovo di libro che sto sperimentando da qualche tempo. Lo pubblico qui, in Rete. Dopo averlo visto-e-sentito, se ti ha arricchito intellettualmente e moralmente, fai una donazione. Georg Wilhelm Friedrich Hegel ha scritto della "fatica del concetto", io ti parlo del lavoro della critica e dell'auto-critica, e aggiungo che il pregiudizio della gratuità sta favorendo l'inondazione della Rete con opere inconsistenti.



Sofia

(Storie di poche parole)

 

 

I giovani pellegrini

(Vangelo laico secondo Feliciano)

 

 

Lorenzo e Virginia

(Poesie dei ritagli di tempo)



I giovani infelici

(Angelus Novus)



Nefeli e Sofia

(Il Negozio)



Gli immigrati e gli emigrati

(Vissi d'Arte)


Eftimios

(Vita breve di Eftimios)

 

 

I Cupidi

(Prima di cominciare)

 

 

Pasolini

(Le ceneri di Pasolini)

 

 

I fotografi e i cineasti

(Il Secolo dell'Ebbrezza)


 

Alexandra

(La Traversata. Libro Primo e Libro Secondo)

 

 

Gli spettatori ideali

(Con questa mia vengo a dirti)

 

 

Io stesso

(VideoDiario di un Re prigioniero)

 

 

Kafka, Gramsci, Hitchcock, Pasolini

(Autoritratti vagabondi)

 

 

Luis

(Non ho parole)