Home Essays Fulmini e Saette. - Alexandra
Fulmini e Saette. - Alexandra PDF Stampa E-mail
Indice
Fulmini e Saette.
Alexandra
Amore
Angeli
Antimafia
Ateismo
Chiacchiere
Chiesa
Cineasta
Coerenza
Colori
Complessità
Complicità
Comunismo
Conformismo
Crisi
Deità
Continuità
Democrazia
Dignità
Disparità
Economia
Emulazione
Epigoni
Esperienza
Evoluzione
Famiglia
Fariseismo
Fede
Figlio dell'uomo
Filologia
Fine del mondo
Fulmini e Saette
Gesù di Nazaret
Gramsci di Ales
Indebitamento
Indifferenza
Intellettuali
Ipertrofia
Irresponsabilità
Irriverenza
Kavafis
La Vita Nuova
Linguaggio
Lucrezio
'Ndrangheta
Necessità
Novecento
Ovvero
Partigianeria
Pasolini
Pesaro
Pianta
Poesia
Poesie omeriche
Poeta
Positivismo
Possibilità
Potere
Previsione
Professionisti
Proiezione
Raffreddore
Realismo
Relativismo
Religione
Ridere di chi?
Riforma
Sacrificio
Scienza
Sessantotto
Silenzio
Sindrome
Solidarietà
Sofferenza
Solitudine
Sospetto
Stato
Stronzate
Suicidio
Superbia
Suscettibilità
Televisione
Tolleranza
Torto
Uomo
Vecchia
Verità
Vero e Falso
viacrucis
Volgarizzazione
Tutte le pagine

 

Planare lo sguardo - Αιωρείται το βλέμμα

Oggi farò l’esegesi di un libro di poesie. Bilingue – testi a fronte. Poesie scritte originariamente in italiano e poi tradotte, dall’autrice stessa, in greco. Planare lo sguardo - Αιωρείται το βλέμμα è un libro di Alexandra Zambà, pubblicato dalla casa editrice La Vita Felice.

L’autrice è per avventura la donna della mia vita. Ma non mi farà velo il legame familiare, neppure in un paese come l’Italia, devastato dal familismo amorale. Mi sono dedicato all’arte e alla scienza, e non alla politica dei partiti e alla religione delle chiese, proprio per vivere in piena moralità. E fare esegesi, esporre filologicamente e analizzare criticamente un testo, è svolgere una attività morale – consistente nel mettere in contatto i lettori con gli autori, insomma nel farsi i fatti degli altri, e non i propri.

Alexandra scrive. Di origine è cipriota, greco-cipriota. Vive in Italia, ed ha adottato la lingua italiana come lingua comunicativa ed espressiva. Scrive poesie, tra le altre cose, e ve ne trascrivo una.

-senti
resta sui miei battiti
-melodie aritmie memorie-
cucite sulla pelle tua bianca e morbida
di sogni miei liquidi
sperduti nei pochi attimi della vita
non tua non mia…

L’inizio non ha la maiuscola, e la poesia finisce con tre puntini. Come un brano di dialogo. Ecco: è immediatamente evidente che la natura profonda, delle poesie, di questa poesia di Alexandra, è il dialogo. È il tu e l’io. Non l’io.

Solitamente i poeti sono concentrati sull’io. Hanno la forma della circonferenza, che ha un centro. Alexandra invece ha la forma di un’ellisse, che ha due fuochi.

È una forma poetica rara, questa, e tanto più necessaria oggi, in un mondo pieno di circonferenze. Di io, che non ascoltano, non dialogano, non mettono l’altro nella condizione dell’interlocuzione. L’altro è considerato spesso come un pubblico, un astante delle proprie gesta, qualcosa da conquistare, qualcuno da sedurre, di cui godere e approfittare.

-ακου
μείνε στους παλμούς μου
-μελωδίες αρρυθμίες αναμνήσεις-
ραμμένες στο λευκό και απαλό δέρμα σου
των ρευστών μου ονείρων
χαμένων στις λίγες στιγμέςτης ζωής
μη δικής σου δικής μου...

La poesia ellittica. La poesia dell’altro in relazione all’io. Un mondo ulteriore, possibile, del noi, ma non del noi in forma di massa, di folla, di aggruppamento, in forma indistinta. Un mondo fatto di io e di tu, anzi: di tu ed io.


(Alias, sabato 6 agosto 2016)