Home Essays Fulmini e Saette. - Complicità
Fulmini e Saette. - Complicità PDF Stampa E-mail
Indice
Fulmini e Saette.
Alexandra
Amore
Angeli
Antimafia
Ateismo
Chiacchiere
Chiesa
Cineasta
Coerenza
Colori
Complessità
Complicità
Comunismo
Conformismo
Crisi
Deità
Continuità
Democrazia
Dignità
Disparità
Economia
Emulazione
Epigoni
Esperienza
Evoluzione
Famiglia
Fariseismo
Fede
Figlio dell'uomo
Filologia
Fine del mondo
Fulmini e Saette
Gesù di Nazaret
Gramsci di Ales
Indebitamento
Indifferenza
Intellettuali
Ipertrofia
Irresponsabilità
Irriverenza
Kavafis
La Vita Nuova
Linguaggio
Lucrezio
'Ndrangheta
Necessità
Novecento
Ovvero
Partigianeria
Pasolini
Pesaro
Pianta
Poesia
Poesie omeriche
Poeta
Positivismo
Possibilità
Potere
Previsione
Professionisti
Proiezione
Raffreddore
Realismo
Relativismo
Religione
Ridere di chi?
Riforma
Sacrificio
Scienza
Sessantotto
Silenzio
Sindrome
Solidarietà
Sofferenza
Solitudine
Sospetto
Stato
Stronzate
Suicidio
Superbia
Suscettibilità
Televisione
Tolleranza
Torto
Uomo
Vecchia
Verità
Vero e Falso
viacrucis
Volgarizzazione
Tutte le pagine

 

 

Il meglio della democrazia non sta nell’essere il governo della maggioranza, ma nel suo essere “isonomia” (dicevano i Greci), cioè rendere tutti uguali di fronte alla legge. In concreto: formare tutti e selezionare i migliori. In democrazia tutti sono possibili dirigenti, e i posti di direzione li conquistano i migliori, a qualunque classe sociale appartengano. La democrazia è cioè il migliore governo della minoranza: il governo dei pochi migliori tra tutti.

 

Per ciò il problema della democrazia è fare in modo che tutti si possano formare secondo le potenzialità e siano selezionati secondo le capacità (e non in quanto complici dei dirigenti al potere).

 

Per esempio. Se un numero aperto di studenti italiani maturati aspirano a entrare nella Facoltà di Medicina - e questa è a numero chiuso - si tratta di selezionare i migliori tra loro, per la salute della democratica società che li ha formati come tali. Perché questo in Italia oggi non avviene? Perché i test d’ingresso a Medicina, in quanto incongrui alla reale preparazione degli studenti, non selezionano i migliori aspiranti? Perché i professori si rivolgono alle matricole vittoriose con “Voi che siete figli di medici…”? “Perché quando la capacità di saper governare arriva alle masse, vengono a mancare le grandi intelligenze alla guida della società?” (Alexis de Tocqueville, Viaggio negli Stati Uniti, 1831)

 

Perché George W. Bush? Perché Francesco Storace? Perché gli Stati Uniti sono una società ademocratica mossa dal denaro, e l’Italia è una società ademocratica acquietata dalla complicità.

 

(Alias, 11 febbraio 2006)