Home Essays Fulmini e Saette. - Disparità
Fulmini e Saette. - Disparità PDF Stampa E-mail
Indice
Fulmini e Saette.
Alexandra
Amore
Angeli
Antimafia
Ateismo
Chiacchiere
Chiesa
Cineasta
Coerenza
Colori
Complessità
Complicità
Comunismo
Conformismo
Crisi
Deità
Continuità
Democrazia
Dignità
Disparità
Economia
Emulazione
Epigoni
Esperienza
Evoluzione
Famiglia
Fariseismo
Fede
Figlio dell'uomo
Filologia
Fine del mondo
Fulmini e Saette
Gesù di Nazaret
Gramsci di Ales
Indebitamento
Indifferenza
Intellettuali
Ipertrofia
Irresponsabilità
Irriverenza
Kavafis
La Vita Nuova
Linguaggio
Lucrezio
'Ndrangheta
Necessità
Novecento
Ovvero
Partigianeria
Pasolini
Pesaro
Pianta
Poesia
Poesie omeriche
Poeta
Positivismo
Possibilità
Potere
Previsione
Professionisti
Proiezione
Raffreddore
Realismo
Relativismo
Religione
Ridere di chi?
Riforma
Sacrificio
Scienza
Sessantotto
Silenzio
Sindrome
Solidarietà
Sofferenza
Solitudine
Sospetto
Stato
Stronzate
Suicidio
Superbia
Suscettibilità
Televisione
Tolleranza
Torto
Uomo
Vecchia
Verità
Vero e Falso
viacrucis
Volgarizzazione
Tutte le pagine

 

 

Negli ospedali pubblici italiani manca il numero sufficiente di posti letto per i malati di tumore che ne hanno bisogno, una parte dei quali è per ciò costretta a curarsi a casa. Questa disparità sociale delle cure mediche tra i cittadini italiani è una disuguaglianza risolvibile: con un governo finalmente democratico, cioè isonomico (tutti uguali di fronte alle leggi, e alle cure).

 

Ma c’è una disparità irrisolvibile: la disparità naturale tra gli esseri umani. Ecco una donna buona, retta, leggera, amabile. Senza che abbia fatto niente di male a sé e agli altri, è colpita da un tumore. Ed ecco un’altra ben diversa donna, cattiva, disonesta, forte con i deboli e debole con i forti. Scoppia di salute. Questo bambino nasce vispo e sano; quello viene alla luce contorto e malato. Nerone muore a 31 anni, Berlusconi ne ha già più del doppio.

 

Da dove origina questa disuguaglianza? Perché questo dolore immeritato? La disparità sociale delle cure invita a riflettere sul tipo di Governo al Potere, la disparità naturale della salute induce a meditare sulla identità del Signore del Mondo. I religiosi adorano un Signore del Mondo capace di questa immedicabile ingiustizia, un Dio preveggente e autocratico. Noi che siamo senza Dio (eppure non ci manca niente) preferiamo immaginare come Nostro Signore il cieco e democratico Caso.

 

(Alias, 18 marzo 2006)