Home Essays Fulmini e Saette. - Indebitamento
Fulmini e Saette. - Indebitamento PDF Stampa E-mail
Indice
Fulmini e Saette.
Alexandra
Amore
Angeli
Antimafia
Ateismo
Chiacchiere
Chiesa
Cineasta
Coerenza
Colori
Complessità
Complicità
Comunismo
Conformismo
Crisi
Deità
Continuità
Democrazia
Dignità
Disparità
Economia
Emulazione
Epigoni
Esperienza
Evoluzione
Famiglia
Fariseismo
Fede
Figlio dell'uomo
Filologia
Fine del mondo
Fulmini e Saette
Gesù di Nazaret
Gramsci di Ales
Indebitamento
Indifferenza
Intellettuali
Ipertrofia
Irresponsabilità
Irriverenza
Kavafis
La Vita Nuova
Linguaggio
Lucrezio
'Ndrangheta
Necessità
Novecento
Ovvero
Partigianeria
Pasolini
Pesaro
Pianta
Poesia
Poesie omeriche
Poeta
Positivismo
Possibilità
Potere
Previsione
Professionisti
Proiezione
Raffreddore
Realismo
Relativismo
Religione
Ridere di chi?
Riforma
Sacrificio
Scienza
Sessantotto
Silenzio
Sindrome
Solidarietà
Sofferenza
Solitudine
Sospetto
Stato
Stronzate
Suicidio
Superbia
Suscettibilità
Televisione
Tolleranza
Torto
Uomo
Vecchia
Verità
Vero e Falso
viacrucis
Volgarizzazione
Tutte le pagine

 

 

Da quando collaboro con questa rubrica ad Alias (nove anni), ho descritto e analizzato la crisi economica e sociale e politica e culturale che stiamo vivendo come “crisi di civiltà”.

Ancora pochi sono convinti di questa proposta teorica e politica, ma siccome Gramsci mi ha insegnato che “è meglio avanzare e morire che fermarsi e morire”, ho scritto e pubblicato un ebook – dal titolo La Vita Nuova – sullo stato effettivo e sul futuro possibile del mondo, ponendo l’accento sul fatto che dalle ceneri della civiltà moderna sta crescendo una nuova e superiore civiltà, caratterizzata dalla diffusione di un ‘tipo umano’ che si può definire “creativo, autonomo, solidale”.

Non ho richiamato Gramsci a caso. Proprio Gramsci, nei Quaderni, ha scoperto per primo, negli anni Trenta del Novecento, la dimensione epocale di questa crisi, che chiamava “crisi organica”, e criticato i tre primi tentativi regionali di risposta ad essa, il comunismo, il fascismo, l’americanismo.

Tesi particolarmente impopolare a sinistra, questa di Gramsci critico del comunismo (e del marxismo), ma siccome Pasolini mi ha insegnato che è “meglio essere nemici del popolo che della realtà”, vado approfondendo e arricchendo la ricerca e la proposta (sempre con Luis Razeto, scienziato dell’economia e della politica noto internazionalmente come teorico dell’economia di solidarietà).

Non ho richiamato Pasolini a caso. Proprio Pasolini, negli Scritti corsari e nelle Lettere luterane degli anni Settanta del Novecento, ha riscoperto la dimensione epocale di questa crisi, che chiamava “fine del mondo”, e individuato l’insorgere di nuove forme di fascismo.

Un brano dell’ebook La Vita Nuova in anteprima? Eccolo. Dalla Parte Prima, Capitolo 6, L’INDEBITAMENTO:

 

“(…) L’industrialismo necessita e fomenta il consumismo, e ambedue conducono e inducono all’indebitamento.

Industrialismo, consumismo e indebitamento si rafforzano reciprocamente e crescono insieme.

Incatenati uno all’altro, ci incatenano al sistema imperante.

L’indebitamento generalizzato e crescente è una componente essenziale dell’economia moderna, contemporaneamente capitalista e statalista.

Un mondo di indebitati, un mondo di dipendenti.

Le persone e le famiglie si indebitano per poter comprare e consumare tutto quello che la pubblicità indica e il mercato offre loro.

Le imprese e le aziende si indebitano per poter crescere e aumentare la produzione, per vincere la concorrenza delle altre imprese e aziende, che fanno la stessa cosa.

Si indebitano gli speculatori che vogliono fare guadagni col denaro che ottengono come credito.

Tutto il mondo indebitato.

Si indebitano anche i governi nazionali, i municipi e i poteri regionali e locali, i partiti politici e tutte le istituzioni, per continuare a offrire ai cittadini consumisti ciò che loro esigono come condizione per concedere il proprio appoggio e i propri voti.

Si indebitano i paesi, si indebitano gli organismi internazionali, si indebitano le organizzazioni dei più svariati tipi, a livelli crescenti che diventano impossibili da saldare. (…) ”

 

(Alias, marzo 2015)