Home Essays Fulmini e Saette. - Indifferenza
Fulmini e Saette. - Indifferenza PDF Stampa E-mail
Indice
Fulmini e Saette.
Alexandra
Amore
Angeli
Antimafia
Ateismo
Chiacchiere
Chiesa
Cineasta
Coerenza
Colori
Complessità
Complicità
Comunismo
Conformismo
Crisi
Deità
Continuità
Democrazia
Dignità
Disparità
Economia
Emulazione
Epigoni
Esperienza
Evoluzione
Famiglia
Fariseismo
Fede
Figlio dell'uomo
Filologia
Fine del mondo
Fulmini e Saette
Gesù di Nazaret
Gramsci di Ales
Indebitamento
Indifferenza
Intellettuali
Ipertrofia
Irresponsabilità
Irriverenza
Kavafis
La Vita Nuova
Linguaggio
Lucrezio
'Ndrangheta
Necessità
Novecento
Ovvero
Partigianeria
Pasolini
Pesaro
Pianta
Poesia
Poesie omeriche
Poeta
Positivismo
Possibilità
Potere
Previsione
Professionisti
Proiezione
Raffreddore
Realismo
Relativismo
Religione
Ridere di chi?
Riforma
Sacrificio
Scienza
Sessantotto
Silenzio
Sindrome
Solidarietà
Sofferenza
Solitudine
Sospetto
Stato
Stronzate
Suicidio
Superbia
Suscettibilità
Televisione
Tolleranza
Torto
Uomo
Vecchia
Verità
Vero e Falso
viacrucis
Volgarizzazione
Tutte le pagine

 

 

Leggere in un testo di Benedetto XVI la definizione di Dio è come televisionare Emilio Fede che parla di Berlusconi: il Vaticano sta al Regno dei Cieli come il Tg4 alla Villa di Arcore.

 

Ma noi siamo per professione e vocazione curiosi, e leggiamo la prima enciclica del nuovo papa: “Dio è carità, è amore”. Visto? Benedetto – Ratzinger, condizionato dal conflitto di interessi, dice mezza verità. La verità intera è che “Il dio è giorno notte, inverno estate, sazietà fame.” – come ha scritto Eraclito di Efeso, e come ci conferma la diretta esperienza della nostra vita difficile. Dio (se c’è) è ciò che desideriamo e anche il suo contrario. Amore e anche il suo contrario: indifferenza.

 

Infatti. Cosa ha fatto ieri Dio mentre si consumavano i genocidi degli indiani nordamericani, degli armeni, degli zingari, degli ebrei, dei kurdi, degli indios latinoamericani, dei tutsi,? Niente. Indifferenza, silenzio. E cosa ha fatto l’altro ieri di fronte alla terrorizzata preghiera di Gesù di Nazareth (“Babbo, allontana da me questo calice!”) e al suo urlo disperato (“Signore, perché mi hai abbandonato?”)? Niente. Indifferenza, silenzio.

 

Perciò, per amore della verità tutta intera, ci aspettiamo che Joseph Ratzinger, dopo aver pontificato sulla metà benevola, caritatevole ed amorevole di Dio, ne giustifichi la metà malevola, indifferente e silenziosa. Come tocca ogni giorno, ed ogni notte, a tutti gli esseri umani pieni e completi, fedeli o infedeli che siano.

 

(Alias, 4 marzo 2006)