Home Essays Fulmini e Saette. - Linguaggio
Fulmini e Saette. - Linguaggio PDF Stampa E-mail
Indice
Fulmini e Saette.
Alexandra
Amore
Angeli
Antimafia
Ateismo
Chiacchiere
Chiesa
Cineasta
Coerenza
Colori
Complessità
Complicità
Comunismo
Conformismo
Crisi
Deità
Continuità
Democrazia
Dignità
Disparità
Economia
Emulazione
Epigoni
Esperienza
Evoluzione
Famiglia
Fariseismo
Fede
Figlio dell'uomo
Filologia
Fine del mondo
Fulmini e Saette
Gesù di Nazaret
Gramsci di Ales
Indebitamento
Indifferenza
Intellettuali
Ipertrofia
Irresponsabilità
Irriverenza
Kavafis
La Vita Nuova
Linguaggio
Lucrezio
'Ndrangheta
Necessità
Novecento
Ovvero
Partigianeria
Pasolini
Pesaro
Pianta
Poesia
Poesie omeriche
Poeta
Positivismo
Possibilità
Potere
Previsione
Professionisti
Proiezione
Raffreddore
Realismo
Relativismo
Religione
Ridere di chi?
Riforma
Sacrificio
Scienza
Sessantotto
Silenzio
Sindrome
Solidarietà
Sofferenza
Solitudine
Sospetto
Stato
Stronzate
Suicidio
Superbia
Suscettibilità
Televisione
Tolleranza
Torto
Uomo
Vecchia
Verità
Vero e Falso
viacrucis
Volgarizzazione
Tutte le pagine

 

 

Per i cattolici il massimo è l’imitazione di Gesù. Impresa disperata e votata al fallimento, per eccesso o per difetto. Prendiamo ad esempio Karol Wojtila e Joseph Ratzinger.

 

Abbiamo ancora negli occhi l’agonia del vecchio papa, la sua prolungata, insistita, ostinata lotta tra la vita mortale e la vita eterna, da lui stesso svelata al pubblico delle televisioni di tutto il mondo. Una “via crucis” sotto il segno dell’eccesso. Il papa polacco, difatti, non si è attenuto (come Gesù) alla composta sopportazione del dolore e della sofferenza, ma ha ricercato e ostentato la loro esibizione spettacolare.

 

E veniamo al nuovo papa, che sta mancando la giusta misura dell’imitazione per difetto. Mostrare la corona di spine, come ha fatto Wojtila, è stato troppo, ha sfiorato l’osceno, ma pontificare con la mozzetta coronata dal cappelletto di zibellino, come fa Ratzinger, è l’inverso di troppo, sfiora il ridicolo. Si domanda: Gesù riconoscerebbe, involto in quel vestiario, un suo seguace?

 

Ma non è soltanto il modo di vestire del papa tedesco che difetta (riferito al modello): pensate al suo modo di parlare. Il suo linguaggio è guardingo, formale, diplomatico, politico. Dov’è finito il linguaggio immaginifico, parabolico, ispirato, profetico di Gesù? “Avete occhi e non vedete, avete orecchi e non udite?” (Ger 5,21; Ez 12,2; Mc 8,18) La cultura laica è in crisi, d’accordo, cioè si sta ripensando, ma la cultura cattolica non sta tanto bene, sta invecchiando.

 

(Alias, 4 marzo 2006)