Home Essays Fulmini e Saette. - Poesia
Fulmini e Saette. - Poesia PDF Stampa E-mail
Indice
Fulmini e Saette.
Alexandra
Amore
Angeli
Antimafia
Ateismo
Chiacchiere
Chiesa
Cineasta
Coerenza
Colori
Complessità
Complicità
Comunismo
Conformismo
Crisi
Deità
Continuità
Democrazia
Dignità
Disparità
Economia
Emulazione
Epigoni
Esperienza
Evoluzione
Famiglia
Fariseismo
Fede
Figlio dell'uomo
Filologia
Fine del mondo
Fulmini e Saette
Gesù di Nazaret
Gramsci di Ales
Indebitamento
Indifferenza
Intellettuali
Ipertrofia
Irresponsabilità
Irriverenza
Kavafis
La Vita Nuova
Linguaggio
Lucrezio
'Ndrangheta
Necessità
Novecento
Ovvero
Partigianeria
Pasolini
Pesaro
Pianta
Poesia
Poesie omeriche
Poeta
Positivismo
Possibilità
Potere
Previsione
Professionisti
Proiezione
Raffreddore
Realismo
Relativismo
Religione
Ridere di chi?
Riforma
Sacrificio
Scienza
Sessantotto
Silenzio
Sindrome
Solidarietà
Sofferenza
Solitudine
Sospetto
Stato
Stronzate
Suicidio
Superbia
Suscettibilità
Televisione
Tolleranza
Torto
Uomo
Vecchia
Verità
Vero e Falso
viacrucis
Volgarizzazione
Tutte le pagine

 

 

In Italia – nonostante le mafie - fioriscono ancora i limoni, e gli essays. I migliori, in solitudine – stante il declino delle sue università.

E così mi era sfuggito questo libro sorprendente di Laura Sturma, La parola che nomina gli dèi, Il Nuovo Melangolo, 2007. Finché un amico onomaturgo me l’ha indicato e – generosità chiama generosità – desidero condividerne festosamente la scoperta.

Saggi sulla poesia e il mito recita il sottotitolo del libro, che l’uno e l’altra illumina tessendo i risultati dei cento autori cruciali attraverso un contributo originale – come testimonia l’autore più amato fra i cento, Stefano Agosti, nella fulminante Prefazione.

“Opposto al lógos (...) il nome proprio costituisce il modello di un diverso linguaggio: il linguaggio del mito e della poesia.” (p. 13) “Alla intuizione degli studiosi è mancata una analisi ed una interpretazione più approfondita di quell’elemento difficile e problematico del linguaggio che è il nome proprio. Alla luce di una nuova analisi apparirà invece che tutte le forme del nome proprio appartengono intimamente al linguaggio mitico cosicché il nome divino non ne costituisce solo il primo elemento ma ne organizza tutta la struttura profonda.” (36) “Il linguaggio del mito (...) ricostituisce l’unità fra le cose, rese viventi e divine, e la vita più profonda dell’anima umana.” (49) “Il mito e la poesia spontaneamente si toccano nella modulazione di un nome proprio.” (66) “Accomuna il mito e la poesia (...) una continuità di linguaggio e di forme . Per questa continuità, mentre al mito si riconosce la natura di un linguaggio specifico, la poesia riceve un valore nascostamente religioso”. (97) “L’età moderna non oppone alle religioni rivelate solamente il suo razionalismo o il suo laicismo, perché quello che viene dal primo Romanticismo e si estende poi a tutta la letteratura moderna è una vera e nascosta religiosità, non istituzionale, non codificata. Di questa religiosità la critica vede in genere gli aspetti irrazionalistici, oscuri, regressivi, mistico decadenti, ma questi aspetti hanno sempre un senso ultimo e comune: è la ricerca di un al di là o di un infinito non fuori dal mondo, ma nel mondo, nelle cose e nella vita.” (100) “L’aldilà è qui.” (103) “L’aldilà è ora.” (105) Questa “ricerca di un al di là, di un infinito, di un invisibile, che non è posto oltre il mondo, ma che appartiene al mondo e alla vita (...) non è regressiva, ma è sovversiva” (117) dal momento che “il cristianesimo, la religione, la morale, la metafisica e tutti i principi essenziali del pensiero occidentale si fondano sempre sul pensiero della trascendenza”. (119)

A Laura Sturma rivolgo le domande che ho fatto a me stesso leggendola – ospiterò la sua risposta in questa rubrica: La mitologia arcaica si biforca da un lato nella mitologia olimpica e dall’altro nella poesia antica? “L’irripetuta unità dell’uomo e della natura con il sacro e con il divino” propria della mitologia arcaica perduta, si ricostituisce, si ricompone, da quando perduta, nella poesia antica-moderna-contemporanea in quanto arte che realizza “la ripetizione dell’evento mitico in un presente con il carattere della festa”?


(Alias, 5 febbraio 2011)