Home Essays Fulmini e Saette. - Sindrome
Fulmini e Saette. - Sindrome PDF Stampa E-mail
Indice
Fulmini e Saette.
Alexandra
Amore
Angeli
Antimafia
Ateismo
Chiacchiere
Chiesa
Cineasta
Coerenza
Colori
Complessità
Complicità
Comunismo
Conformismo
Crisi
Deità
Continuità
Democrazia
Dignità
Disparità
Economia
Emulazione
Epigoni
Esperienza
Evoluzione
Famiglia
Fariseismo
Fede
Figlio dell'uomo
Filologia
Fine del mondo
Fulmini e Saette
Gesù di Nazaret
Gramsci di Ales
Indebitamento
Indifferenza
Intellettuali
Ipertrofia
Irresponsabilità
Irriverenza
Kavafis
La Vita Nuova
Linguaggio
Lucrezio
'Ndrangheta
Necessità
Novecento
Ovvero
Partigianeria
Pasolini
Pesaro
Pianta
Poesia
Poesie omeriche
Poeta
Positivismo
Possibilità
Potere
Previsione
Professionisti
Proiezione
Raffreddore
Realismo
Relativismo
Religione
Ridere di chi?
Riforma
Sacrificio
Scienza
Sessantotto
Silenzio
Sindrome
Solidarietà
Sofferenza
Solitudine
Sospetto
Stato
Stronzate
Suicidio
Superbia
Suscettibilità
Televisione
Tolleranza
Torto
Uomo
Vecchia
Verità
Vero e Falso
viacrucis
Volgarizzazione
Tutte le pagine

 

 

I rapporti guardinghi tra il Professore e i capintesta della sua coalizione riportano la mia memoria a ieri, agli anni trepidanti del liceo reggino, e la nostra storia all’altro ieri, ai convulsi inizi dell’impero romano.

 

Bertinotti e D’Alema, Rutelli e Veltroni e lo stato maggiore dell’Unione al completo assicurano di essere leali secondi a Prodi nella presente opposizione e nel futuro governo. Ma i politici dicono mezza verità in ogni occasione e ciò che è opportuno nelle date circostanze: la verità intera è sempre importuna (o rivoluzionaria, che è la stessa cosa). La verità è poliedrica, complessa, contraddittoria.

 

I capi in seconda dell’Unione riconoscono Prodi come leader e tuttavia coltivano - direbbe Flaiano – un “complesso di parità”: non si sentono secondi a nessuno. Prodi dal canto suo, stravinte le primarie, concordato il programma, benedetto dai sondaggi, potrebbe guardare serenamente in avanti invece che prudentemente ai lati, eppure vive la “sindrome di Augusto”.

 

Morto ammazzato Cesare per mano di un gruppo di congiurati in Senato, Augusto aveva ripristinato formalmente le tradizioni istituzionali repubblicane – che Cesare dittatore perpetuo aveva evidentemente sottovalutato. Surclassati i concorrenti, pacificate le sacche di resistenza avversaria, risanata l’economia e la vita civile, restaurata la repubblica, riorganizzato l’impero, consacrato dagli auguri, Augusto avrebbe potuto vivere rilassato. Eppure, quando andava in Senato, sotto la toga indossava la corazza.

 

(Alias, 1 aprile 2006)