Home Essays Predilezioni. - Keaton, Chaplin
Predilezioni. - Keaton, Chaplin PDF Stampa E-mail
Indice
Predilezioni.
Autobiografia di Gramsci
Bernini
Bresson
Caravaggio cineasta
Caravaggio sottile
Cartier-Bresson
Cartier-Bresson ed io
Kafka
Keaton, Chaplin
Miró
Murnau
Omero
Pasolini, Gramsci, Gesù
Pasolini e i giovani
Rembrandt, Caravaggio
Rothko
Tutte le pagine

 

 

 

Perché fa ridere Buster Keaton che non ride mai nei suoi film?

Che genere di riso è il nostro?

Di chi ridiamo quando ridiamo di Buster Keaton?

 

 

Questo è un fotogramma di The General , un film del 1926, interpretato e diretto da Keaton - uno dei grandi film dell’attore e regista nordamericano nato nel 1895 e morto nel 1966. Altri film (tra i migliori): Our Hospitality - 1923, Sherlock jr. e The Navigator - 1924, Seven Chances -1925, College - 1927, Steamboat Bill jr. e The Cameraman - 1928.

Il corpo di Keaton non ride, la faccia di Keaton non ride, eppure – all’interno del film - fanno ridere di gusto il suo corpo e la sua faccia, nella misura in cui ci identifichiamo in lui. Noi. Ma noi chi? Noi persone normali che cercano di capire, onesti lavoratori che cercano di agire, in un mondo sempre nuovo e in una vita sempre difficile, e siccome non ci riusciamo pienamente, a capire e ad agire, ridiamo divertiti del mondo e di noi stessi.

Luis Buñuel, (altro grande uomo di cinema) quando era un giovane critico, era il 1927, vide un suo film e scrisse: “Keaton non è un comico che vuol farci ridere a squarciagola. Ma neanche per un attimo smettiamo di sorridere, non di lui, ma di noi stessi”. ¡Ah, l'acutezza di don Luis!

Ma perché Keaton non ride mai nei suoi film? Come ci è arrivato a questa faccia immobile, imperterrita? Ci è arrivato intuitivamente. Ed ha riconosciuto la sua scoperta, la sua invenzione, la sua costruzione, attraverso gli spettatori: “Gli spettatori mi insegnarono una cosa legata al mio lavoro, che non sapevo. A Roscoe [un attore corpulento col quale collaborava, come spalla, agli esordi della sua attività] arrivarono delle lettere in cui si chiedeva perché l’omino dei suoi film non sorrideva mai. Non ce ne eravamo accorti. Guardammo due-tre rulli che avevamo fatto insieme e constatammo che era vero. Quindi alla fine del successivo film provai a sorridere. Al pubblico dell’anteprima non piacque e ci furono dei fischi. Dopodiché non ho mai più sorriso sullo schermo, in palcoscenico o alla TV.” (pagina 107 della edizione italiana della sua bellissima autobiografia scritta a 65 anni, My wonderful world of slapstick – Memorie a rotta di collo, Feltrinelli 1995)

Ecco. Buster Keaton ha costruito, prima intuitivamente, poi consapevolmente, il personaggio dell’omino che lotta serio, senza piangere o ridere. L’omino che è in noi, l’omino che siamo noi persone normali in un mondo anormale, esseri umani che lottano senza quartiere, senza rimedio, cercando di superare le difficoltà del vivere, soverchiati dalle difficoltà, ma che non cedono, insistono, riprovano. È lo stesso omino che sta dentro i personaggi di Kafka e Beckett, ma non mettiamo troppa carne sul fuoco, e facciamo un altro passo verso la comprensione di che genere di riso sia il nostro quando ridiamo di Keaton.

Il personaggio Keaton è radicalmente diverso dal personaggio Chaplin – l’altro grande autore del cinema comico muto a lui comparabile per grandezza di ispirazione e risultati. Ma cosa esattamente li distingueva? “Sono rimasto sempre stupito quando la gente diceva che i personaggi che io e Charlie Chaplin interpretavamo nei film avevano dei punti in comune. Per me c’era, fin dall’inizio, una differenza di base: il vagabondo di Chaplin era un fannullone. Tanto carino com’era, avrebbe rubato se ne avesse avuto la possibilità. Il mio personaggio era un onesto lavoratore.” (pagina 103 di Memorie a rotta di collo)

Ed ecco spiegato anche il perché Chaplin è generalmente ritenuto maggior creatore di Keaton, e “fa più ridere” di lui. Chaplin ci fa ridere degli altri, più deboli, più indifesi, più goffi di noi. Keaton ci fa ridere di noi. È più facile, è più rassicurante, ridere degli altri che di noi stessi. Il nostro riso è più generoso e leggero quando ridiamo di Keaton - è il sorriso della benevola autocritica.