Home Film VideoDiario di un Re prigioniero - Dichiarazione del regista
VideoDiario di un Re prigioniero - Dichiarazione del regista PDF Stampa E-mail
Indice
VideoDiario di un Re prigioniero
Auto-critica
Appunti sull'audiovideo
Dialoghi sull'audiovideo
Appunti di regia
Agostino e Gogol'
Shakespeare e Gogol'
Email a Gabriele Parrillo
Email a Francesco F
L'idea del dormiveglia
Dichiarazione del regista
Presentazione del critico
Sinossi / Synopsis
Domande utili / Useful questions
Titoli di testa
Titoli di coda
Appunti per l'intervista a Roberto
Email a Umit
Email a Luis
Tutte le pagine

 

 

(Per il Festival di Rotterdam 2006)


 

La mia testa e il mio cuore sono agitati, giorno e notte, da una tempesta di domande.


 

Cosa produce un mondo fondato sul potere in un essere umano privo di potere? Corrisponde alla realtà ciò che diceva Paul Klee quando scriveva che “l’arte serve a rendere visibile l’invisibile”? E’ possibile realizzare un cinema assolutamente ateo? La rivoluzione tecnologica prodotta dal cinema digitale non pretende anche una riforma linguistica del campo audiovisivo? Era un folle Carl Theodor Dreyer a cercare “una via per introdurre l’astratto nelle immagini”?


 

Io non ho per voi risposte scritte, e del resto non intendo risolvere la questione a parole. Ho voluto e saputo solo realizzare il film digitale Videodiario di un Re prigioniero.