Home FotoGrafie e Belle Arti Fotografie e Fotogrammi
Fotografie e Fotogrammi PDF Stampa E-mail
Indice
Fotografie e Fotogrammi
Porti e Piazze
Silenzi e Grida
Città e Paesi
Porte e Finestre
Fotogrammi
Nature vive e morte
Ritratti
Periferie e Muri
Due e Tanti
Tutte le pagine

 


 

 

Dopo aver visionato queste fotografie e fotogrammi composti in libro, se ti hanno commosso e convinto, dona quanto merita la fatica della loro bellezza.


I libri oggi non si acquistano soltanto in Libreria, come libri di carta, ma anche sulla Rete, come libri digitali - anche in forma di donazione.


Vai alla Home, clicca su Donazione - l'operazione è semplice e sicura.

 

 







PORTI / Roma, Stazione Tiburtina - 20 aprile 2014

 

 

 

PORTI / Roma, Stazione Ostiense - 28 settembre 2006 16:50

Passo di lato alla Stazione, mi colpisce la malinconia dei colori delle cose vive e morte, e mi torna in mente la risposta di un'amica alla domanda: "Cosa segna coloro che vivono in periferia?" Risposta secca: "La rassegnazione." Entra ora in campo questa donna a capo chino. Tiro fuori la digitale e scatto.

 

 

 

PORTI / Roma, Stazione Tiburtina - 10 marzo 2013

Foto scattata pensando a Carl Theodor Dreyer, che cercava di introdurre l'astratto nelle immagini del cinema.

 

 

 

PORTI / Aeroporto-non-ricordo-quale-forse-Santiago-de-Chile-forse-Madrid), 23 agosto 2009 17:28

La struttura forte della sala aeroportuale e la delicatezza della postura della donna in attesa. La violenza geometrica costrittiva del ponte-gabbia e la dolcezza svagata e spettinata dei colori pastello nei particolari interni ed esterni. La donna e i colori riscattavano la situazione e la oltrepassavano.
"L'haiku non è la gabbia delle 5 e 7 e 5 sillabe, ma l'uccello che ne è volato via e canta".

 

 

 

PORTI / Roma, Mercato di Campagna Amica al Circo Massimo - 8 giugno 2014

 

 

 

PORTI / Bergamo, Aeroporto - 13 settembre 2010 21:37

Bergamo, aeroporto, sera-notte, durante l'attesa dell'aereo per Roma. Vedo questi due così amichevolmente o amorevolmente dialoganti e mi dico: Rendi testimonianza, Pasquale, dei due e degli umani che li dintornano. Sì, ma come fare, senza turbarli, distrarli dal loro assorbente rapporto? Mi trovo a pochi metri, e allo scoperto. In casi come questo mi viene in aiuto la mia esperienza di cacciatore (formata tra l'infanzia e l'adolescenza): mimetizzarsi, non fare movimenti bruschi, essere dolcemente deciso e spietatamente preciso. Poi, al computer, ho desaturato: il colore commerciale degli aeroporti turba e distrae.

 

 

 

PORTI / Roma, Stazione Termini - 11 settembre 2006 19:23

Tanti i fotografi, tanti i modi di fare foto. Il mio non è di andare in giro per fare foto. Cammino tenendo in tasca la digitale. Cammino, respiro, osservo, entro in relazione col mondo grande e terribile. E quando certe cose, persone, situazioni, mi colpiscono e mi feriscono, rendo testimonianza del coltello e della ferita. Diceva Robert Capa (il fotografo del miliziano colpito a morte nel 1936) che se le foto non sono buone vuol dire che non si è abbastanza vicini. Concordo, e aggiungo: vuol dire che non si è abbastanza feriti.

 

 

 

PORTI / Istanbul, Aeroporto - 17 maggio 2006 16:01

Nella bolgia di un aeroporto-fiera-bivacco, tra mille colori, rumori, voci - un bambino meravigliosamente concentrato, silenzioso, leggero. Tiro fuori la digitale, taglio fuori tutto e tutti e documento il piccolo principe in partenza.

 

 

 

PORTI / Palermo, Porto - 20 giugno 2008 11:16

Camminando fra le banchine di un porto del meridione italiano, e guardandomi intorno, ho sentito muoversi qualcosa dentro di me. Ho ri-sentito, ho ri-visto, con stupore allucinato, l'approssimazione, la sciatteria, l'abbandono, dei paesi della Calabria ionica - laddove sono nato e ho vissuto l'infanzia e l'adolescenza. E quando continuando sono passato accanto a questi cani, e nel mio campo visivo sono entrati insieme questi ferri, questo cemento, questa pietra, queste lastre, questo manto stradale, questo intonaco, questa ombra, questa luce, ho scattato una foto. Il linguaggio delle cose e il torrente dei sentimenti parlavano con una voce sola.

 

 

 

PORTI / Genova, Stazione Principe - 1 ottobre 2007 16:28

Genova. Banchina della Stazione, in attesa del treno. Una coppia giovane con due valige tra me e la città. Parlottano, a un tratto lasciano le valige e fanno pochi passi - verso il telefono? il bar? il giornalaio? Non li guardo nemmeno, sono le valige abbandonate sulla banchina che mi commuovono, non so perché - ma non bastano per una foto, sento il bisogno di qualcosa ancora. Dio solo sa cosa. Tiro fuori la digitale automaticamente, disperato, e vedo con la coda dell'occhio un colombo avanzare a passo svelto tra loro e me, "ho un colpo solo", mi dico, 'quando si trova nel vuoto tra le due'. Click.

 

 

 

PORTI / Rotterdam, Aeroporto - 4 gennaio 2007 10:14

Lo Spazio e il Tempo guidano insieme il flusso delle mie intuizioni, orientano i miei occhi e muovono le mie mani. Ero in un aeroporto e c'era questa struttura architettonica prepotente, della quale faceva parte un uomo immobile e curvo. Ho isolato e bloccato questo Spazio con una inquadratura che ha cancellato la massa dei viaggiatori brulicanti. Il Tempo è intervenuto nel momento in cui ho deciso di tirare fuori la digitale: cioè quando ho colto con la coda dell'occhio un bambino che giocava correndo e stava entrando in campo, e continua a muoversi grazie alla sfocatura.

 

 

 

PIAZZE / Arezzo, Piazza Grande - 11 marzo 2006

Entro a fianco di Alexandra nella Piazza Grande. Camminiamo, lentamente, immersi in una luce pasquale. Davanti a una finestra-vetrina mi fermo, vedo l'intero dell'istante, desidero far vedere, tiro fuori la digitale che da poco mi è stata regalata, compongo semplicissimamente l'inquadratura e scatto.

 

 

 

PIAZZE / Nicosia, Cipro - parte occupata dall'esercito turco dal 1974 / 19 maggio 2006

 

 

 

PIAZZE / Roma, Villa Celimontana - 20 agosto 2006 11:54

 

 

 

PIAZZE / Roma, Piazza Vittorio -15 settembre 2011 10:20

Costeggiando la piazza, poggiato sul muretto che regge la sua cancellata esterna, vedo un pezzo di pane e un brulichio al suo interno. Avanzo di due passi, mi fermo a osservare e sono investito da una pioggia di immagini-idee: il quadro di Courbet 'Il principio del mondo', l'insieme dei libri di scienza della storia e della politica che vado scrivendo con Luis Razeto sulla crisi della civiltà moderna, una scena di 'Angelus Novus' - quella 'soggettiva' del Poeta che apre il pollo e spezza il pane e l'acqua freme nel boccale, un delicato apparato genitale femminile aperto, l'insieme astratto della trama del travertino con le sue macchie e le sue gallerie combinato con la trama del pane con le sue caverne e le sue formiche... Come dare senso e forma a questa tempesta? Afferro la digitale e scatto.

 

 

 

PIAZZE / Lenola, Piazza principale del paese - 25 novembre 2010 11:04

Dall'altana di Luisella e Orlando assisto a un funerale. Mi colpisce un misto di rassegnazione e nervosismo. Tiro fuori la digitale e scatto.

 

 

 

PIAZZE / Roma, Piazza del Campidoglio - 6 aprile 2009 17:03

 

 

 

PIAZZE / Palermo, Piazza della Vergogna - 19 febbraio 2008 13:03

 

 

 


 

 

 

SILENZI / Focene - 10 agosto 2006 18:24

 

 

 

SILENZI / Altino - 13 giugno 2014

 

 

 

SILENZI / Liray (Cile) - 19 agosto 2009

 

 

 

SILENZI / Roma - 2 gennaio 2013

 

 

 

SILENZI / Salonicco - 28 aprile 2014

 

 

 

SILENZI / Roma, Parco di Colle Oppio - 6 giugno 2011 17:56

 

 

 

SILENZI / Roma, Santa Prassede - 28 settembre 2012, pomeriggio

Entro in questa chiesa, vago senza cercare niente di preciso, come nella penombra di un bosco, e vedo-sento da lontano una messa in corso in una cappella laterale accanto all'abside, e davanti a questa cappella, fuori, in piedi, una donna commovente. Faccio un largo giro in punta di piedi e scatto questa foto - per rendere testimonianza della commozione sua e mia.

 

 

 

SILENZI / Santiago de Chile - 16 luglio 2009 17:32

Un mercato popolare. Movimentato e chiassoso. Colorato. Un ragazzo preso da un pensiero, che fa cessare movimenti e rumori, e cadere i colori. Per escludere tutto il resto, tutti gli altri, ho aspettato il momento giusto e giustamente inquadrato, poi - al computer - l'ho desaturata: per restituire la verità interiore del silenzioso e fermo e lontano bianco e grigio del ragazzo rapito.

 

 

 

SILENZI / Roma - 24 novembre 2012

 

 

 

SILENZI / Bassano Romano - 21 ottobre 2006 9:57

 

 

 

SILENZI / Roma, Parco di Colle Oppio - 23 gennaio 2007 15:59

Una fotografia "al passo". Mi ero fermato a osservare la scena: scala, alberi, prospettiva - scena quieta e inquieta, reale e surreale. Grazie alla luce: poca e diffusa. Ho deciso di scattare una foto soltanto quando è entrata in scena la donna-impermeabile, ho aspettato che salisse fino al punto cruciale e ho scattato.

 

 

 

SILENZI / Roma, Mercato rionale della Garbatella - 1 novembre 2013

 

 

 

SILENZI / Roma, accanto al Colosseo - 29 marzo 2012 16:55

Roma. Sui resti della Domus Aurea distrutta e occupata dalle terme di Traiano distrutte, un gruppetto di latinoamericani gioca a pallone e riflette sulla vita e sulla morte.

 

 

 

SILENZI / Presicce (Salento) 23 giugno 2011 9:53

 

 

 

SILENZI / Sulmona, 8 novembre 2011 11:00

Passeggio a Sulmona a fianco di Alexandra, in attesa di prendere parte alla proiezione (Sulmona ospita ogni novembre Sulmonacinema) del nostro video Vita breve di Eftimios, e alla discussione che ne seguirà. Entro da un cono d’ombra autunnale in un raggio di luce primaverile, faccio tre passi, vacillo, mi fermo, prego Alexandra di tornare qualche passo indietro - non posso fare a meno di testimoniare quella luce, tiro fuori la digitale, inquadro un trittico di ombra-luce-ombra, aspetto, ed ecco entra nell’inquadratura un altro Eftimios, leggero, di spalle, scatto.

 

 

 

SILENZI / Roma, Parco di Colle Oppio - 26 marzo 2006

 

 

 

SILENZI / Roma, via Ruggero Bonghi - 18 ottobre 2011 10:13

 

 

 

SILENZI / Roma, incrocio tra via Merulana e via dello Statuto - 3 aprile 2007 11:11

 

 

 

SILENZI / Roma, cortile di un bar tra la Stazione Ostiense e Porta San Paolo - 21 novembre 2008 11:42

 

 

 

SILENZI / Roma, 10 marzo 2012 10:51

Roma. Sabato. Via Labicana. Dentro la macelleria di Alessandro e Raffaele Abbattista. Una testa mozzata di agnello, rossa, su rosso. Forse mi viene in mente la frase della autobiografia di Louis Althusser. O forse la mia testa si sta finalmente staccando dal mio corpo. "La testa, dove tutto succede, e niente nel corpo."

 

 

 

SILENZI / Roma, Parco di Colle Oppio - 17 giugno 2010 11.46

 

 

 

SILENZI / Roma, Parco di Colle Oppio - novembre 2012

 

 

 

SILENZI / Roma, Orto Botanico - 4 aprile 2006

 

 

 

SILENZI / Roma, Orto Botanico - 17 aprile 2013

 

 

 

SILENZI / Palermo, Villa Garibaldi - 19 giugno 2008 19:33

 

 

 

SILENZI / Larnaka (Cipro) - 4 settembre 2009 11:06

 

 

 

SILENZI / Roma, viale Pamiro Togliatti - 12 agosto 2006 10:35

 

 

 

SILENZI / Bergamo - 2 giugno 2010 9:59

 

 

 

SILENZI / Roma, viale Trastevere - 19 gennaio 2008 12:13

Una fotografia "al passo", al doppio passo - difficoltà doppia: ho dovuto comporre due figure, quella della giovane automobilizzata in primo piano e della meno giovane appiedata in secondo piano, sullo scenario dato da strada, albero, ombra, palo, corona, monumento.

 

 

 

SILENZI / Roma, San Martino ai Monti - 14 giugno 2008 9:54

 

 

 

SILENZI / Roma, fianco meridionale di San Giovanni dei Fiorentini - 14 maggio 2008 12:03

 

 

 

SILENZI / Roma, Scalinata di Piazza Iside - 21 settembre 2006 9:48

 

 

 

SILENZI / Roma, Via della Domus Aurea - 31 marzo 2010 16:43

 

 

 

SILENZI / Roma, Piazza Vittorio - 26 settembre 2006 10:24

 

 

 

SILENZI / Nicosia (Cipro) - 18 agosto 2008 10:15

 

 

 

SILENZI / Roma, giugno 2013 - Studio di Mimmo Pesce nel quartiere di San Lorenzo

 

 

 

SILENZI / Roma, Bar ipogeo del Palazzo Nazionale delle Esposizioni - 25 marzo 2008 18:46

 

 

 

SILENZI / viaggio in pullman da Roma a Sulmona - 7 novembre 2008

 

 

 

SILENZI / Liray  (Cile) - 19 agosto 2009 9:18

 

Dialoghi suscitati dalla foto sul sito-rivista:


Inviato: 12/9/2009 14:40

Autore: Lorenzo Levrini

Molto bella.


Inviato: 12/9/2009 16:53

Autore: Pasquale Misuraca

¡Salve, Lorenzo!
Sono proprio contento del tuo apprezzamento.
L'ho fatta quasi in trance questa foto, sai? In effetti non ho cercato di fotografare gli animali, gli alberi, l'erba, la palizzata, le cose del mondo davanti a me, ma... la luce... di quella mattina - mi dava una piena sensazione di assoluta certezza e volevo testimoniarlo.

 

Inviato: 12/9/2009 20:26

Autore: Lorenzo Levrini

Capisco perfettamente. Io non avrei fatto questa foto se non fosse per le qualita' particolari di questa luce.

 

Inviato: 14/9/2009 8:18

Autore: Bovary

semplicemente stupenda pasquale lo dico senza esagerazioni.....incanta emoziona...sembra quasi irreale. grazie di quello che sei riuscito a trasmettere con la sola immagine...


Inviato: 14/9/2009 15:03

Autore: Pasquale Misuraca

@ Bovary
Felice che ti commuova questa foto. Lo dico anche a nome dei coautori: la Cordigliera (che indora il pulviscolo silenzioso facendo finta di niente), il Sole (sempre presente dietro le nuvole le notti le nebbie anche quando ce ne dimentichiamo), gli alberi - vivi, vegeti, chiomati, spettinati, in fila indiana frangivento, sopravviventi in forma palizzata, l'erba ubriaca di vita, gli arbusti ed i raponzoli, la cavalla e le pecore e le capre immerse nel pasto, e la linea dell'orizzonte che per l'occasione si è inclinata per imprimere un lento movimento al lungo istante.

 

 

 

GRIDA / Roma, Mercato di Piazza Vittorio - 17 febbraio 2009

 

 

 

GRIDA / Roma, San Giovanni in Laterano - febbraio 2013

 

 

 

GRIDA / Roma, Parco di Colle Oppio - 27 dicembre 2013

 

 

 

GRIDA / Roma, casa labicana - 17 ottobre 2006 15:41

 

 

 

GRIDA / Bassano Romano - 1 luglio 2011 14:55

 

 

 

GRIDA / Collina vicino Gubbio - 27 aprile 2008 15:19

 

 

 

GRIDA / Roma, via Principe Eugenio nei pressi di Piazza Vittorio - 3 dicembre 2009 17:01

 

 

 

GRIDA / Roma, Orto Botanico - 4 aprile 2006 17:25

 

 

 

GRIDA / Roma, COIN di Piazzale Appio - 2 gennaio 2010 16:25

 

 

 

GRIDA / Roma, 87 inteso come autobus - 27 maggio 2010 11:11

 

 

 

GRIDA / Roma, via Labicana - 1 aprile 2010 11:01

 

 

 

GRIDA / Roma, Piazza Vittorio - 31 marzo 2006

 

 

 


 

 

 

CITTA' / Salonicco, 29 aprile 2014

 

 

 

CITTA' / Benevento - 11 maggio 2009

 

 

 

CITTA' / Sulmona - 8 novembre 2008

 

 

 

CITTA' / Istanbul - 16 gennaio 2008

 

 

 

CITTA' / Palermo - 18 marzo 2010

 

 

 

CITTA' / Roma, via Ostilia nei pressi del Colosseo - 6 dicembre 2008

 

 

 

CITTA' / Roma, Musei Capitolini - 19 maggio 2007

 

 

 

CITTA' / Orvieto, via Soliana nei pressi del Duomo - 18 marzo 2006

 

 

 

CITTA' / Genova - 12 dicembre 2007

 

 

 

CITTA' / Santiago de Chile 10 luglio 2009

Santiago de Chile è una città fatta di 'quadre', di isolati di forma quadrata - insiemi regolari di edifici reticolati da strade rettilinee incrociate (cardo e decumano, ascisse e ordinate). Questa forma romana e cartesiana viene qui richiamata da uno scatto vagamente cézanniano e picassiano

 

 

 

CITTA' / Bucarest - 15 giugno 2010

 

 

 

CITTA' / Calimera - 1 agosto 2008

 

 

 

CITTA' / Presicce - 23 giugno 2011

 

 

 

CITTA' / Nicosia nord (Lefkoşa), Cyprus International University - 18 maggio 2006

 

 

 

CITTA' / Nicosia sud (Λευκωσία) - 20 ottobre 2008

 

 

 

CITTA' / Costantinopoli-Istanbul, 23 maggio 2006

 

 

 

CITTA' / Pescara - 9 ottobre 2009

 

 

 


 

 

 

PORTE / Istanbul, Studio di İsmet Değirmenci, 15 gennaio 2008

 

 

 

PORTE / Pitigliano, Entrata del Ghetto - 13 luglio 2013

 

 

 

PORTE / Roma - Santa Maria degli Angeli, 12 marzo 2014

 

 

 

PORTE / Madrid - Vano di porta d'ingresso, Calle Fúcar, 7 novembre 2010

 

 

 

PORTE / Roma, Via Labicana, 25 agosto 2012 8:55

 

 

 

PORTE / Roma, campetto di calcio di lato al Colosseo, sul Parco di Colle Oppio, primavera 2007

 

 

 

PORTE / Roma, campetto di calcio di lato al Colosseo, sul Parco di Colle Oppio, 8 febbraio 2008 15:48

 

 

 

PORTE / Roma, Chiesa-non ricordo-quale, 10 maggio 2007 16:07

 

 

 

PORTE / Torre Vado, 8 luglio 2010 11:18

 

 

 

PORTE / Roma, San Martino ai Monti, 14 giugno 2008 9:47

 

 

 

PORTE / Roma, Sant'Antonio, via Merulana, 11 novembre 2006 13:30

 

 

 

PORTE / Roma, Ufficio delle Poste di via Marmorata, 7 ottobre 2008 17:10

 

 

 

PORTE / Roma, Ingresso di San Clemente, 19 aprile 2006 10:10

 

 

 

PORTE / Lefkosia (Nicosia, Cipro), 12 giugno 2010 12:00

 

 

 

PORTE / Roma, Autobus 81 in via Luigi Petroselli, 12 ottobre 2006 11:44

 

 

 

PORTE / Genova, 18 maggio 2009 19:34

 

 

 

 

FINESTRE / Roma, via Claudio Monteverdi, 4 ottobre 2006 10:26

 

 

 

FINESTRE / Roma - Museo Nazionale Romano / Palazzo Massimo, 21 marzo 2014

 

 

 

FINESTRE / Orvieto, Teatro Mancinelli - sera del 28 giugno 2013

 

 

 

FINESTRE / Roma, Musei Capitolini - 19 maggio 2007 18: 07

Nel corso di una delle mie periodiche visite dei Musei Capitolini, guardo da una finestra vetrata e vedo questi tre nel giardino sottostante. Non basterebbe un milione di parole per raccontare la loro storia. Preferisco rivelarvela in silenzio.

 

 

 

FINESTRE / Santiago de Chile (studio di Luis Razeto nell'Universidad Bolivariana), luglio 2009

 

 

 

FINESTRE / Rotterdam, Aeroporto, 4 gennaio 2007 10:16

 

 

 

FINESTRE / Roma, via delle Botteghe Oscure, 15 maggio 2007 15:32

 

 

 

FINESTRE / Roma, Via Labicana, 17 agosto 2011 14:29

 

 

 

FINESTRE / Palermo, autobus 101 7 luglio 2011 10:04

 

 

 

FINESTRE / Roma, via di San Giovanni in Laterano - 5 marzo 2007 10:22

 

 

 

FINESTRE / Roma, sala d'attesa di studio dentistico - 28 febbraio 2012 10:58

Roma. Aspetto il mio turno dalla dentista, nella piccola sala d'aspetto - divisa dall'atrio dello studio da una finestra. (Ma di questo, di questa finestra, mi renderò chiaramente conto dopo, alle soglie della fotografia.) Ho con me, come spesso, la digitale, ma non ho nessuna intenzione di fare foto in quella situazione. Aspetto, leggo, medito, poi metto a fuoco, di lato a me, questa scena e non posso fare a meno di testimoniare lo sconvolgente insieme.

 

 

 

FINESTRE / Istanbul, Hagia Sophia, 23 maggio 2006 15:49

 

 

 

FINESTRE / Bagheria - da una finestra del Museo di Guttuso, 12 luglio 2011 12:56

 

 

 

FINESTRE / Roma, via Labicana, 14 settembre 2006 9:55

 

 

 

FINESTRE / in viaggio da Palermo a Punta Raisi, 20 febbraio 2008 17:23

 

 

 

FINESTRE / in viaggio nell'Italia centrale - 1 giugno 2008 16:13

 

 

 

FINESTRE / Roma, Autobus 571 a Via dei Fori Imperiali, 11 novembre 2009 15:43

 

 

 

FINESTRE / Roma, dall'autobus 15 su via Casilina - 8 giugno 2011 9:07

 

 


 

 

 

FOTOGRAMMI / Prima di cominciareMedFilm Festival 1997.

 

 

 

FOTOGRAMMI / COS'E' LA SCUOLA? Gli studenti ci parlano. Palermo, 20-21 maggio 2014.

 

 

 

FOTOGRAMMI / Non ho paroleFestival International du Nouveau Cinéma di Montreal 1994

 

 

 

FOTOGRAMMI / Vissi d'Arte, Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro 2005.

 

 

 

FOTOGRAMMI / Angelus Novus - Cannes 1987.

 

 

 

FOTOGRAMMI SALENTO (1) / Lido Marini, 22 luglio 2006 10:35

FOTOGRAMMI SALENTO (2) / Lido Marini, 22 luglio 2006 10:35

 

 

FOTOGRAMMI IKEA (1) / Roma, 19 ottobre 2006 15:21

FOTOGRAMMI IKEA (2) / Roma, 19 ottobre 2006 15:21

 

 

 

FOTOGRAMMI FIRENZE (1) Spedale degli Innocenti, 19 marzo 2011 14:07

FOTOGRAMMI FIRENZE (2) Spedale degli Innocenti, 19 marzo 2011 14:08

 

 

 

FOTOGRAMMI PIAZZA (1) / Roma, Piazza della Stazione Termini, 16 maggio 9:41

FOTOGRAMMI PIAZZA (2) / Roma, Piazza della Stazione Termini, 16 maggio 9:41

 

 

FOTOGRAMMI VILLA (1) / Roma, Villa Celimontana, 20 agosto 2006 11:50

FOTOGRAMMI VILLA (2) / Roma, Villa Celimontana, 20 agosto 2006 11:53

 

 

FOTOGRAMMI LABICANA (1) / Roma, via Labicana - 7 aprile 2010 9:21:15

FOTOGRAMMI LABICANA (2) / Roma, via Labicana - 7 aprile 2010 9:23:57

 

 

FOTOGRAMMI PRENESTINA (1) / Roma, via Prenestina, 23 marzo 2009

FOTOGRAMMI PRENESTINA (2) / Roma, via Prenestina, 23 marzo 2009

 

Le due foto hanno suscitato sul sito-rivista questi commenti:


Inviato: 3/4/2009 10:29

Autore: Bovary

preferisco la prima delle due perchè dà maggiore risalto al soggetto principale che è la giovane donna in attesa, oltre il vetro graffiato dell'autobus e dietro lo sfondo del grigio metropolitano... mi piace perchè pur essendo il soggetto principale è in ombra rispetto alla luce che illumina il retro della scena, ed enfatizza così quella sensazione interiore di impaziente attesa.... mi colpisce la sua pensosa immobilità in contrasto con il mondo intorno che gira frenetico...


Inviato: 3/4/2009 15:10

Autore: Pasquale Misuraca

Per me è più bella la seconda, perché contiene più contesto, più realtà, si vede bene il sedile del tram in primo piano – sedile vuoto, ci sono le quinte nere ritmate e un po’ inclinate, e le schiene opposte di due astanti rivolti a direzioni diverse, e il bianco squillante del ragazzo o ragazza sul motorino, una sommessa sinfonia di colori essenziali, una vasta gamma di toni, di sfumature, di graffi e graffiti, dentro e fuori... La prima è (quasi) soltanto un ritratto, la seconda è un paesaggio con figure.
(Faccio notare, Bovary, oltre che a te anche a chi ci legge, che tu scrivi "preferisco" ed io "la più bella è" - tu manifesti un gusto individuale, e lo argomenti, io definisco una superiore bellezza, e la argomento. Intendo con questo tentare il passaggio dal piano soggettivo al piano inter-soggettivo. Non so quanto ci sia riuscito, ma lo ritengo necessario - altrimenti ciascuno rimane prigioniero della propria singolarità, non credi?)


Inviato: 29/4/2009 9:39

Autore: Anonimo

Le due foto esprimono concetti diversi:
la prima è più concentrata sul soggetto e le sue dinamiche interiori, ma proprio pr questo io avrei usato una focale più selettiva in modo da lasciare leggermente sfocato lo sfondo...
la seconda immagine privilegia il contrasto tra l'individuo e la realtà circostante, però il motociclista in giacca bianca sposta troppo l'attenzione dal soggetto mentre le altre due figure sono troppo defilate (escono praticamente dall'immagine...) per essere veramente significative.
(riguardo alla metacomunicazione preferisco l'onestà di presentare il proprio parere come espressione della propria visione estetica alla presunzione di ritenersi depositari si un Norma estetica universale....)

 

 

FOTOGRAMMI PANTHEON (1) / Roma, pronao del Pantheon, 27 ottobre 2006 12:21

FOTOGRAMMI PANTHEON (2) / Roma, pronao del Pantheon, 27 ottobre 2006 12:22

 

 

 

 


 

 

 

NATURE VIVE / Liray (Chile), 28 agosto 2009 6:04

 

NATURE VIVE / Mondello (Sicilia, Italia), 18 marzo 2010 16:58

 

 

 

NATURE VIVE / Roma, 8 ottobre 2006 - nei pressi di San Gregorio al Celio - tarda mattinata

 

 

 

NATURE VIVE / Roma, Parco di Colle Oppio, 7 dicembre 2008

 

(Commento) Inviato: 16/2/2009 6:20 (sul sito-rivista)

Autore: Pasquale Misuraca

Questa foto è cominciata a formarsi attraverso le orecchie.

Abito in via Labicana, a Roma - tra Piazza San Giovanni in Laterano, il Parco del Celio, il Colosseo, e Colle Oppio. Quando esco per mettere il cielo sopra la testa inizio la passeggiata scegliendo una direzione tra le quattro possibili: a sud mi aspetta la pineta del Borromini, a ovest il limone di Madre Teresa di Calcutta, a nord l’albero di Giuda, a est la pineta di Apollodoro. Questa domenica avevo scelto l’albero di Giuda, per rivederlo coricato certo nudo sulle pendici del Palatino, forse ancora stecchito dal nostro reale inverno o da quel suo immaginario peccato originale. E camminavo. Ma, arrivato ai piedi della scalinata travertina di Colle Oppio, sento voci, dall’alto a destra, da dentro la pineta, fuori campo, voci allegre di ragazze eppure spezzate, non di ragazze ma di donne sincopate, voci provenienti non dal presente adolescente, dal passato remoto, forse, o dal futuro anteriore.

Resto incerto per un lungo momento, infine cedo e mi lascio trascinare all’insù dalle voci di dentro e di fuori lungo la scalinata, infilando le mani nelle tasche, una trova e inforca gli occhiali, l’altra trova e accende la digitale, le voci s’interrompono, mi fermo, come un gatto nell’erba, riprendono, avanzo ancora, piano ma non troppo, la lucertola, l'orbettino, la biscia, si possono rintanare, ancora, faccio capoccetta, vedo e scatto.

 

 

 

NATURE VIVE / Roma, 15 novembre 2008

 

 

 

NATURE VIVE E MORTE / Roma - Pistoia 16 aprile 2012 7:52

Ha scritto ha scritto ha scritto - senza guardare nessuno - poi si è messo il cappuccio in testa. Quando sono sceso dal treno stava ancora così.

 

 

 

NATURE MORTE / Roma, via Principe Amedeo, 17 aprile 2010 10:22

 

 

 

NATURE MORTE / Viterbo, 25 dicembre 2006 13:41

 

 

 

NATURE MORTE / Roma, via Ruggero Bonghi, 12 gennaio 2013

 

 

 

NATURE MORTE / Roma, via Merulana - 12 giugno 2013

 

 

 

NATURE MORTE / Palermo, 8 luglio 2011 7.54

 

 

 

NATURE MORTE / Roma, Autobus 105 a Piazza Vittorio, 28 settembre 2006 10:06

 

 

 

 

 

NATURE MORTE / Roma - Via Labicana, 24 giugno 2012 10.09

 

 

 

NATURE MORTE / Roma, via Labicana - 14 febbraio 2009 10:34

 

Commento di Simone Barillari, sito-rivista www.fulminiesaette.it, 24 febbraio 2009.

 

Non sono certo, non lo sono mai stato, che il titolo che ho suggerito a Fulmini in un fiotto di entusiasmo (Trasfusione) sia così buono, sono certo invece che non è buono come la foto: ha quantomeno il torto di ridurne le possibilità, mentre anche solo la data in cui è stata scattata, il giorno di San Valentino, aggiunge nuovo significato al fiore di sangue dell’immagine. Uno dei motivi per cui le foto di Fulmini mi sembrano più di una volta così eccezionali, le foto di un grande artista, è che sono fotografie letterali, “una maggiorazione immobile dell’inafferrabile”, come le definì Barthes, e proprio per questo profondamente artistiche. Mi è parso interessante il dibattito suscitato nei commenti a un post di Bovary da una risposta di Lorenzo Levrini, che è giovanissimo e sta maturando un suo stile molto interessante. Proprio nel momento in cui il ritocco in postproduzione ricongiunge la fotografia alla pittura da cui quasi due secoli fa si è distaccata, la fotografia letterale diventa, ritorna a essere, la specificità della fotografia rispetto alla pittura: quella di essere l’immediata riproduzione letterale di un momento che sia un accumulo della realtà, un coagulo del tempo che la pittura, riproduzione ed elaborazione di quel momento da una lontananza e da una lentezza, può riprodurre solo in maniera mediata. Per essere arte, la fotografia oggi deve scoprire in che modo, attraverso il ritocco in fotocomposizione, fare cose che la pittura non può fare, eccedere la pittura, oppure attestarsi prima di essa, e facendo di nuovo cose che la pittura non può fare, precedere la pittura. Questo brano da cui ho tratto la definizione di “fotografia letterale” proviene da 'Fotografie-choc', in "Miti d’oggi" di Roland Barthes.

“La maggior parte delle fotografie-choc che ci sono state mostrate sono false in quanto appunto hanno scelto uno stato inermedio tra il fatto letterale e il fatto maggiorato: troppo intenzionali per essere fotografia e troppo esatte per essere pittura, perdono necessariamente, a un tempo, lo scandalo della lettera e la verità dell’arte: si è voluto farne segni puri, senza risolversi a dare almeno a questi segni l’ambiguità, il ritardo di uno spessore. […] Privata del suo canto e della sua spiegazione, la naturalezza di queste immagini obbliga lo spettatore a un’interrogazione violenta, lo impegna sulla via di un giudizio che egli stesso elabora senza essere intralciato dalla presenza demiurgica del fotografo. In questo caso dunque si tratta proprio di quella catarsi critica richiesta da Brecht, e non più, come nella pittura di soggetto, di una purga emotiva. La fotografia letterale introduce allo scandalo dell’orrore, non all’orrore in sé”.

 

*

 

Risposta dell’autore, sito-rivista www.fulminiesaette.it, 24 febbraio 2009.

 

Grazie della descrizione critica supplementare. Ricambio con una descrizione artigiana: ricostruisco cosa ho fatto facendo questa foto.

Esco da casa per andare a trovare un amico, faccio pochi passi e vedo da lontano, sul manto stradale, lungo la linea bianca laterale, un panno appallottolato? un pupazzetto caduto da una bicicletta o da una macchina? un colombo giovane? Avanzo con l’impressione di lievi movimenti dei suoi contorni, ma è il vento, ed è un colombo, non c’è più niente da fare – lo fisso e sta fermo di profilo.

Ora di fianco a lui, sporgendomi dal granito, l’ammiro intero e quieto, immobile eppure in qualche modo irreale in movimento, non capisco se lo vedo dall’alto di sopra o dal lato in alto, e divento sordo, e sono investito da più immagini e fitte e odori – niente rumori niente segni della città fuori campo, tutto accade tra il suo riquadro e la mia mente.

Prendo la digitale, l’accendo, inquadro, scatto. Poi un’altra foto, analoga, diffidente delle macchine come sono, tanto scelgo sempre la prima. Non lo guardo più, vado via, sento un autobus, torna la città intorno, vado via.

 

 


 

 

 

RITRATTI / Giannakochori, 1 maggio 2014

 

 

 

RITRATTI / Gaeta, Spiaggia di Serapo - 4 ottobre 2007 18:00

 

 

 

RITRATTI / Palermo, Orto Botanico - 19 marzo 2010 12:44

 

 

 

RITRATTI / Roma, Foglia di geranio sul davanzale della casa labicana, 25 maggio 2009 11:41

 

 

 

RITRATTI / Roma - Mercato di Piazza Vittorio (ritratto di Fausto Bonanni), 30 aprile 2013

 

 

 

RITRATTI / Roma - Mercato di Piazza Vittorio (ritratto di Zelane Sarker), 26 marzo 2014

 

 

 

RITRATTI / Roma, 28 marzo 2014 (ritratto di Bruno - rappresentante di lenti a contatto)

 

 

 

RITRATTI / Rotterdam, Aeroporto, 4 gennaio 2007 10:36

 

 

 

RITRATTI / Santiago de Chile, 18 agosto 2009 17:42

 

 

 

RITRATTI / Burano - 7 aprile 2013 / Iosif Hadjikyriakou e famiglia

 

 

 

RITRATTI / Volo da Madrid a Santiago de Chle, 24 giugno 2009

 

 

 

RITRATTI / Treno Genova > Roma, 7 agosto 2011 16:58

 

 

 

RITRATTI / Vitorchiano, 25 novembre 2006 11:54

 

 

 

RITRATTI / Roma - 11 ottobre 2011 15: 20 (L'albero della Stazione Termini)

 

 

 

RITRATTI / Roma, via Labicana, 29 settembre 2006 17:23

 

 

 

RITRATTI / Roma, rione Celio, 30 luglio 2008 18:21

 

 

 

RITRATTI / Gabriele Parrillo, Roma, Teatro dei Contrari, 4 maggio 2006 12:52

 

 

 

RITRATTI / Roma, Portico di Piazza Vittorio, 15 settembre 2006 11:12

 

 

 

RITRATTI / Calasetta, 6 agosto 2010 7:05

 

 

 

RITRATTI / Roma, 31 luglio 2012 17:04 (studio per un ritratto di Don Antonio)

 

 

 

RITRATTI / Roma, Autobus 105 sulla Casilina verso Centocelle, 3 luglio 2010 9:40

 

 

 

RITRATTI / in viaggio verso Ancona, 18 aprile 2008 10:39

 

 

 

RITRATTI / Zaxaroulla Paschali, Derinia, 20 settembre 2009, 15:04

 

 

 

RITRATTI / Alexandra Zambà, Roma, Bar della Pigna, 2008

 

 

 

RITRATTI / Pasquale Misuraca, Madrid - Caixaforum, 8 novembre 2010 16:23

 

 

 

RITRATTI, Alexandra Zambà, in viaggio da Arezzo a Roma, 18 marzo 2007 15:37

 

 

 

RITRATTI / Roma, Libreria Feltrinelli di Largo di Torre Argentina, 2007

 

 

 

RITRATTI / Roma, febbraio 2013 (Ritratto di Raffaele Abbattista)

 

 

 

RITRATTI / Roma, gennaio 2013 (Ritratto di Giuliano Cabrini)

 

 

RITRATTI / Liray (Cile), agosto 2009 (Ritratto di Luis Razeto)

 

 

 

RITRATTI / Roma, Piazza di San Giovanni in Laterano, 17 novembre 2006 17:43

 

 

 

RITRATTI / Vallerano, 29 settembre 2013

 

 

 

RITRATTI ? Roma, 15 aprile 2014

 

 

 

RITRATTI / Sofia Misuraca - Roma, 13 febbraio 2007 11:49

 

 

 

RITRATTI / Atene, 9 aprile 2012 18:02

Stiamo seduti a un tavolino esterno della taverna 'o Telis' (odos Eyripidoy, 86), dalle parti del Mercato Popolare, Alexandra e io. Passa una ragazzina e mi offre un pacchetto di fazzoletti di carta per la cifra spropositata di cinquanta centesimi. Acconsento - come si può resistere a quegli occhi velati? Scompare. Dopo qualche minuto ripercorre la stessa strada, la chiamo, le faccio questa foto. Desideravo mostrare anche a te quegli occhi.

 

 

 

RITRATTI / Roma - quartiere San Lorenzo, 6 marzo 2014

 

 

 

RITRATTI / Roma, 23 settembre 2012 (Ritratto di Mimmo Pesce)

 

 

 

RITRATTI / Roma, 10 gennaio 2014 (Uomo maori - nello Studio di Mimmo Pesce)

 

 

 

RITRATTI / Roma, 17 luglio 2013

 

 

 

RITRATTI / Umit Inatci, Roma, dal Campidoglio sui Fori Romani, 4 febbraio 2010 12:42

 

 

 

RITRATTI / Roma, Santa Prassede, 3 giugno 2006 9:05

 

 

 

RITRATTI / Luis Razeto nel suo studio alla Universidad Bolivariana, Santiago de Chile, luglio 2009

 

 

 

RITRATTI / Alessandro Abbattista nella sua macelleria, Roma - 29 marzo 2012 9:58

Roma. Via Labicana. La bio-eno-macelleria NovecentoSEDICI. Ci conosciamo da qualche anno e siamo finalmente diventati amici, Alessandro e io. E' venuto il momento per me di fare un ritratto, e per Alessandro un autoritratto.

 

 

 

RITRATTI / Giuliano Cabrini, davanti alla Cattedrale di Genova, 19 maggio 2009 9:43

 

 

 

RITRATTI / Firenze, 14 novembre 2011 17:56 (Lo Zuccone di Donatello)

 

 

 

RITRATTI / Roma, 2 ottobre 2011 18:48

 

 

 

RITRATTI / Roma, 26 maggio 2012

 

 

 

RITRATTI / Roma, 11 ottobre 2011 15:14

 

 

 

RITRATTI / Giuliano Cabrini, Genova, 18 maggio 2009 20:29

 

 

 

RITRATTI / Mimmo Pesce, Roma, Via dei Volsci, 12 febbraio 2009 17:11

 

 

 

RITRATTI / Pietro Pacelli, Vitorchiano, 25 ottobre 2009 15:32

 

 

 

RITRATTI / Daniele Canavacci, Roma - 29 marzo 2014

 

 

 

RITRATTI / Stefano Bonola, Roma, 25 marzo 2014

 

 

 

RITRATTI / Costantino, Roma, 10 ottobre 2006 17:46

 

 

 

RITRATTI / Tommaso - Roma, 17 ottobre 2010 16:16

 

 

 

RITRATTI / Valentina - Torre Vado, 22 giugno 2011

 

 

 

RITRATTI / Roma, Tram 5 in Piazza Vittorio Emanuele II, 12 novembre 2009 11:38

 

 

 

RITRATTI / Gazza ladra - Lenola, 3 ottobra 2009 16:29

 

 

 

RITRATTI / In un piccolo vivaio sulla Cassia, l'altro ieri.

 

 

 

RITRATTI / Roma, Piazza Vittorio 2 maggio 2009 11:43

 

 

 

RITRATTI / Roma, via dei Fori Imperiali, 12 aprile 2008 9:08

 

 

 

RITRATTI / Roma, Mercato di Centocelle, 6 novembre 2008

 

 

 

Ritratti, Roma, Centocelle, 7 ottobre 2006 11:33

 

 

 

RITRATTI / in viaggio da Genova a Roma, 19 maggio 2009 12:29

 

 

 

RITRATTI / in viaggio da Genova a Roma, 19 maggio 2009 12:30

 

 

 

RITRATTI / in viaggio da Genova a Roma, 19 maggio 2009 12:31

 

 

 

RITRATTI / Roma, Mercato di Piazza Vittorio Emanuele II, 26 settembre 2006 10:36

 

 

 

RITRATTI / Mara e Giulia e Nora, Lakatamia , 27 luglio 2009 16:29

 

 

 

RITRATTI / Roma, Autobus 105 sulla Casilina, 29 dicembre 2009 17:18

Viene a sedersi di fronte a me, questa giovane cinese, e dispone mani e sciarpa e ombrello - sul vestito scuro - in modo tale che il cuore mi salta in gola. Come farle una foto? Gli dèi mi sono favorevoli: si assopisce uno due tre secondi - mi bastano: tiro fuori la digitale, scatto, la rinfodero, riapre gli occhi, sfodero un doppio sorriso. Il sorriso della gratitudine combinato col sorriso della faccia tosta.

 

 

 

RITRATTI / Alexandra Zambà, Roma, 29 dicembre 2009 11:57

 

 

 

RITRATTI / Roma, 10 marzo 2012 18:36

Roma. Aula Magna della Sapienza. Aspettiamo la proiezione de 'La febbre dell'oro' di Chaplin completa di orchestra dal vivo. Mi trovo alle spalle di Sofia e guardo le sue mani. In italiano e in spagnolo - 'guardare' in spagnolo vuol dire 'conservare'.

 

 


 

 

 

 

 

PERIFERIE / Roma, Centocelle, 6 novembre 2008 13:23

 

 

 

PERIFERIE / Liray - Chile, 29 giugno 2009 16:40

 

 

 

PERIFERIE / Roma - 4 marzo 2012 9:51

Mattina di Domenica. La Casilina verso Centocelle. E' tempo di primavera, venendo qui ho intravisto un mandorletto fiorito, ma sento solo la fine dell'inverno - quello lastricato di buone intenzioni.

 

 

 

PERIFERIE / Benevento, 11 maggio 2009 12:28

 

 

 

PERIFERIE / Genova, dal sestiere Oregina - 30 settembre 2007 10:06

 

 

 

PERIFERIE / Roma, via dei Gelsi, 1 ottobre 2006 8:05

 

 

 

PERIFERIE / Roma, via Casilina, 22 aprile 2010 9:48

 

 

 

PERIFERIE / Roma, Via Casilina, 6 maggio 2009 10:10

 

 

 

MURI / Roma, sottopasso della Stazione Trastevere, 11 aprile 2007 11:26

 

 

 

MURI / Roma, Piazza di San Clemente, 6 ottobre 2006 16:16

 

 

 

MURI / Roma, 4 novembre 2011 10:28

 

 

 

MURI / Genova, Sestiere Oregina, 18 maggio 2009 6:03

 

Questa foto, pubblicata sul sito-rivista il 27.07.2009, ha suscitato i seguenti commenti:


Inviato: 27/6/2009 9:41

Autore: Eleonora Terrile

Ieri albero dalla chioma rigogliosa piena di merli, passerotti e rondini di passaggio, oggi, forse, spaventapasseri. Spero che la potatura abbia una giustificazione valida. Unica consolazione, forse, il resto di quest'albero sta godendo della "vista a mare". In effetti Genova è facile da comprendere: a nord i monti, a valle il mare. Stop. Altro che le "fette di torta" in cui sono divise altre città: vere e proprie sfide per chi, come me, non ha senso dell'orientamento!


Inviato: 27/6/2009 20:10

Autore: Pasquale Misuraca

@ Eleonora
Vero verissimo: Genova e' disposta in maniera chiara. Come il Purgatorio (a proposito: sto lavorando a un Purgatorio dal quale non sempre e non solo si sale - in Paradiso - ma anche e parimenti si scende - all'Inferno).
Quanto al fantasma dell´albero, (anche questo) viene da una stroncatura (dalla potatura vengono i morti). Fantasmi e morti, comunque, lasciano segni, sui muri, nei cuori.)


Inviato: 1/7/2009

Autore: Pasquale Misuraca

ancora @ Eleonora (e ai lettori-ascoltatori-visionatori tutti)
Rileggendo la mia risposta al tuo commento mi rendo conto che sono stato criptico.
Volevo dire... ciò che avevo visto - e che mi aveva spinto a fare quella foto: l'ombra, la traccia, l'impronta della chioma di un albero (poi crudelmente mutilato), il quale albero, nel suo insieme organico, grazie all'azione, alla partecipazione, alla complicità del vento, ha lasciato sul muro vicino i segni visibili della sua vita agitata.
L'insieme m'è sembrato uno spunto interessante per la rappresentazione fotografica d'un fantasma, dei fantasmi. (Chissà cosa ne pensa Alberto, che è riuscito a fotografare persino gli angeli...)


Inviato: 2/7/2009 9:50

Autore: Eleonora Terrile

Ah, ora vedo traccia della chioma dell'albero sul muro.
La prima volta mi ero solo concentrata sul tronco. Ahi, ahi, ho guardato, ma non ho visto! (Come direbbe Alberto!)

 

 

 

MURI / Santiago de Chile, 17 luglio 2009

 

 

 

MURI / Roma, Sant'Andrea delle Fratte e Palazzo di Propaganda Fide, 9 marzo 2007 12:52 (a)

 

 

 

MURI / Roma, Sant'Andrea delle Fratte e Palazzo di Propaganda Fide, 9 marzo 2007 12:52 (b)

 

 

 

MURI / Roma, Via Labicana - 2 novembre 2013

 


 

 

 

DUE / Torre Vado, 2013. Padre e figlia.

 

 

 

DUE / Salonicco, 29 aprile 2014

 

 

 

DUE / Roma, rione Monti 10 settembre 2006

 

 

 

DUE / Calandrina (bosco nei dintorni di Bassano Romano), 25 settembre 2012 (accanto a Luciano Cianti)

 

 

 

DUE / Roma, Piazza di San Giovanni in Laterano / 5 ottobre 2006

 

 

 

DUE / Roma - Parco di Colle Oppio / 14 febbraio 2014

 

 

 

DUE / Parga (Grecia), 10 agosto 2008 (accanto ad Alexandra)

 

 

 

DUE / Orvieto - Teatro Mancini, luglio 2013

 

 

 

DUE / Roma, 15 maggio 2013 (accanto a Luis Razeto)

 

 

 

DUE / Roma, 16 dicembre 2012

Fotografare vuol dire per me fotografare una certa luce. Oggi ho fotografato la luce dell'inverno.

 

 

 

DUE / Roma, 11 ottobre 2013

Ed ecco la luce dell'autunno.

 

 

 

DUE / Atene, 11 maggio 2012 (accanto ad Alexandra)

 

 

 

DUE / Roma, 3 ottobre 2006

 

 

 

DUE / Roma, Stazione Termini - 11 settembre 2006

 

 

 

DUE / Roma, 11 maggio 2013

 

 

 

DUE / Roma, 29 giugno 2012 (Parco di Colle Oppio)

 

 

 

DUE / Roma, 25 dicembre 2012 (Parco di Colle Oppio)

 

 

 

DUE / Roma, 24 giugno 2012

24 giugno 2012. Domenica. Accanto alla basilica di Santa Maria in Cosmedin, dando le spalle al Tevere, guardo verso sud e vedo questi due giovani controluce, accanto a una fontanella, sotto i pini romani, sui bordi del Circo Massimo. Fulmineamente, inquadro e scatto, usando il poco zoom della mia digitale. Poi, a casa, completo l'opera con lo zoom ottico, avvicinandomi in asse, Da qui il vago sentore hopperiano.

 

 

 

DUE / San Polo dei Cavalieri, 9 marzo 2014

 

 

 

DUE / Roma, 1 aprile 2012

Roma. Via Prenestina. Una serranda in disuso di un negozio abbandonato. Dipinta di fresco. Il grande volto di un giovane incappucciato, composto senza cancellare segni precedenti, anzi inglobandoli. Guarda fuori campo. Mentre scruto questo sguardo noto de soslayo sopraggiungere da destra un vecchio. Senza farmene accorgere, da vecchio cacciatore, tiro fuori la digitale, l'accendo, aggiusto lo zoom, e quando giunge accanto al giovane - scatto. Guarda fuori campo anche lui.

 

 

 

DUE / Roma, 15 maggio 2013 - Chiostro dei SS. Quattro Coronati (accanto a Luis Razeto)

 

 

 

DUE / Roma, 18 marzo 2012

Giuliano (Cabrini) scende da Genova a Roma. Incontriamo Mimmo (Pesce). Discutono appassionatamente, affacciati sul Tevere. Improvvisamente, ma lentamente, mi allontano fino all'orlo del marciapiede, tiro fuori la digitale e scatto.

 

 

 

DUE / Roma, 8 ottobre 2012

 

 

 

DUE / Calabria, fine anni Settanta (Nefeli ed Eftimios)

 

 

 

DUE / Atene - Museo dell'Acropoli, 2012

"Nel frontone orientale del Partenone, il gruppo [scolpito da Fidia] di Afrodite sdraiata con la madre Dione seduta. Afrodite riposa, sciolta e rilassata, in grembo alla madre che la sorregge con le ginocchia e le cosce. Il dorso di Afrodite si appoggia al seno di Dione. Il braccio sinistro di Dione circonda la spalla sinistra di Afrodite. Con l’avambraccio destro Afrodite si appoggia al grembo della madre. Il lato sinistro del corpo di Afrodite è talmente sollevato che il suo atteggiamento rilassato resta visibile allo spettatore anche dal basso. Splendida è la variata ricchezza delle vesti, del chitone e del mantello disteso sulla roccia, che avvolgono i corpi vigorosi e pienamente sviluppati. Il gioco delle loro pieghe è veramente ‘un’eco centuplicata dell’immagine’ (Goethe) ed è anche un contrasto che però solleva il movimento delle vesti e l’atteggiamento esistenziale del corpo a una più alta, indissolubile unità. E questa unità indissolubile si attua nell’inscindibile raffigurazione del gruppo, non solo per la fusione tra corpo e veste ma anche per la fusione tra madre e figlia. Le due figure sono una cosa sola: un corpo di donna con la sua eco e, nello stesso tempo, due precise e inconfondibili individualità fuse in una più alta unità di gruppo. Afrodite guardava nello specchio d’oro posto nella sua mano sinistra e contemplava così, contemporaneamente, se stessa e la madre." (Werner Fuchs)

 

 

 

DUE / Roma - Museo Nazionale Romano - Palazzo Massimo, 21 marzo 2014 (Dioniso giovane e vecchio)

 

 

 

DUE / Roma, 31 maggio 2013

 

 

 

DUE / Piacenza, 1 giugno 2012 (accanto ad Alexandra)

Officina del Teatro Gioco Vita. Due donne che hanno partecipato ad un corso di studio e sperimentazione in Teatro delle Ombre sono in attesa di presentare al pubblico la propria prova.

 

 

 

DUE / Roma, 10 gennaio 2014

 

 

 

DUE / Roma - Via labicana, 8 novembre 2013

 

 

 

DUE / Roma, 30 agosto 2012 18:01

 

 

 

DUE / Piacenza, 2 giugno 2012 - Festa della Repubblica

 

 

 

DUE / Roma - Parco di Colle Oppio, 11 novembre 2011 10:30

 

 

 

DUE / Roma - Piazza di San Giovanni in Laterano, 20 novembre 2011 11:53

 

 

 

DUE / Roma, viale Regina Elena - 9 novembre 2008 15:40

Sto davanti ai cancelli del Policlinico di Roma. Ho un appuntamento e sono arrivato prima del tempo – sono anacronistico per natura. Mi guardo intorno e sento le voci di dentro. Parla prima il mio Demone Aristocratico: “Lascia perdere ciò che ti circonda qui e ora: minutaglia, brulichio, informità. Lasciati prendere da un tuo pensiero e pensalo fino in fondo, concentrandoti in qualcosa di veramente importante.” Risponde replicandogli il mio Demone Democratico: “Non dargli retta. Qui ed ora, come sempre e ovunque, accadono fatti ed eventi importanti. Non distrarti astraendoti. Qui è Rodi, qui salta.” Apro, appizzo le orecchie. Accendo, aguzzo gli occhi - e faccio una lenta panoramica. Intorno a me una vociante folla di persone e trafficanti, auto incombenti, una luce fredda... Al di là dello spartitraffico ora vedo un uomo e una donna che aspettano ciascuno per sé il tram, vicini e lontani, divisi e uniti, strecciati e intrecciati da forme e colori che nella mia mente compongono una possibilità ulteriore. Afferro la digitale, inquadro, aziono lo zoom per ritagliarli, e scatto.

 

 

 

DUE / Roma, via Marmorata, 13 ottobre 2006 15: 49

 

 

 

DUE / Treno Bologna - Roma, 19 aprile 2012 11:32

Due posti avanti dal mio quattro adolescenti parlano-ridono. Divertito, tendo le orecchie e alzo gli occhi. Proiettata sul vetro superiore del vagone-carrozza (il cielo), colgo al volo una dei quattro mentre si aggiusta i capelli. Dietro di lei, immediatamente davanti a me, un passeggero si fa i fatti suoi: controlla il biglietto.

 

 

 

DUE / Roma, 30 aprile 2012 15:57

Roma. All'incrocio tra via delle Terme di Caracalla, viale di San Gregorio e il Circo Massimo, all'interno di una minuscola finestrella cruciforme dell'Antica Fonte di Mercurio, ogni anno una coppia di storni fa il nido e la nidiata. Passando da quelle parti in bicicletta me ne sono ricordato, e ho reso testimonianza.

 

 

 

DUE / Treno che dalla stazione Trastevere di Roma porta a La Storta - 19 maggio 2012

Il treno fa una lunga sosta, in una stazione intermedia. Leggo, in viaggio, ma questa lunghezza inusuale mi distrae. Mi giro e vedo queste due dormienti, e quel dipinto murato - forse sognato (come ha subito notato vedendo la foto Alexandra). Tiro fuori la digitale e scatto.

 

 

 

DUE / Roma, 29 dicembre 2011 12:17

Roma. Tra il Ghetto e il Lungotevere, di lato all'Anagrafe. La tendenza umana a fare casa, la tendenza umana a separarsi in casa. Sotto una luce spietata come una bomba atomica che tutto sfarina.

 

 

 

DUE / Roma, via Labicana 24 aprile 2012 9:08

Esco di casa, faccio sette passi e noto qualcosa sul marciapiede, mi avvicino, vedo, giro intorno, inquadro, scatto.

 

 

 

DUE / Firenze, Loggia dei Lanzi, Perseo e Medusa di Benvenuto Cellini - 15 novembre 2011

La scultura è a-tutto-tondo, servirebbe un video per rappresentarla. E con una e una sola fotografia, come rappresentarla? Vediamo. I due si somigliano maledettamente, la scultura è fatta per essere vista anche da dietro - e di lato. E c'è questa mano armata e questa azione orizzontale. Ecco.

 

 

 

DUE / Firenze - Santo Spirito, interno giorno, 30 ottobre 2010 10:43

 

 

 

DUE / Roma, Mura Aureliane e Stazione Termini - 11 ottobre 2011 15:28

 

 

 

DUE / Roma, 11 febbraio 2011 12:58 (accanto a Luis Razeto)

 

 

 

DUE / Roma, 15 dicembre 2010 12:18

 

 

 

DUE / Roma, Antico Ospedale delle Donne, 10 aprile 2006 9:05

 

 

 

DUE / Roma, di fianco al Colosseo, 7 febbraio 2008 13:28

 

 

 

DUE / (ritratto di Sofia e Micerino) Roma, 22 dicembre 2007 12:49

 

 

 

DUE / Roma, cortile interno dell'Ostello dello Scout Center 'Il fiore rosso', 30 settembre 2010 18:53

 

Commenti suscitati sul sito-rivista:

Inviato: 12/10/2010
Sembra che la nuvola voglia fare il verso o il controcanto all'edificio.
Un saluto
Garbo
http://garbo.ilcannocchiale.it/
Inviato: 13/10/2010
@ Garbo

E’ il mio modo – quando provo a fare arte costruendo una foto - per far si che i cardini del tempo rientrino nel loro giunto. Sì, perché anch’io penso, come te e come Amleto, che “The time is out of the joint”, “il tempo è fuori giunto”. (Il lettore curioso legga THE TIME IS OUT OF THE JOINT, il gran post di Garbo del 10 ottobre sul suo blog, per comprendere pienamente. Non voglio semplificarlo riassumendolo, e non voglio farla lunga.)

Le cose sono andate così. Ero imprigionato nel fondo di questo cortile romano, circondato e sovrastato da torri-palazzine. Sono andato a mettermi sotto uno spigolo enorme e quasi cieco – un buco-finestrella in cima. L’ho angolato contro il cielo del tramonto ed ho aspettato, sperando in un palloncino sfuggito, un foglio di giornale impennato, un aereo basso, un uccello impazzito... ho visto da lontano arrivare una nuvola commovente, lei mi ha visto, abbiamo giocato. Lei ha assunto una forma certa avanzando e considerando lo spigolone e me. Io, aggiustando la posizione, calibrando lo zoom, alzandomi sulla punta dei piedi, ho predisposto l’inquadratura calcolando la sua progrediente traiettoria, e quando lo spazio-tempo è rientrato nel suo giunto, ho scattato. Per testimoniare la giunzione possibile.

Pasquale

 

 

 

 

TANTI / Roma, Colle Aventino - 10 ottobre 2010 14:24

 

 

 

TANTI / Roma, 25 maggio 2012 8:42

 

 

 

TANTI / Roma, Lungotevere - 3 novembre 2010 12:05

 

 

 

TANTI / Roma, Matromonio a San Martino ai Monti - 14 giugno 2008 9:46

 

 

 

TANTI / Roma, via Labicana - 14 ottobre 11:05

 

 

 

TANTI / Roma, 7 giugno 2013

 

 

 

TANTI / Roma, Stazione Circonvallazione Casilina - 28 maggio 2006 9:20

 

 

 

TANTI / Palermo, Liceo 'Stanislao Cannizzaro' - 18 marzo 2010 12:13

 

 

 

TANTI / Roma, Parco di Colle Oppio - 16 febbraio 2012 16:45

 

 

 

TANTI / Roma, Parco di Colle Oppio - 4 maggio 2012 15:07

Quattro. Due uomini (uno in ombra, uno al sole) col volto velato dal tronco di un albero tengono d'occhio due donne (una in ombra, l'altra nel Sole). Bisogna aggiungere che l'ombrato occhieggia la luminosa, e l'assolato l'ombrosa?

 

 

 

TANTI / Palermo - 8 luglio 2011 10:44

 

 

 

TANTI / Roma, Piazza di San Giovanni in Laterano - 4 marzo 2006

 

 

 

TANTI / Roma - 29 marzo 2012 16:47

Tra il primo e il secondo tempo della partitella, i giocatori extracomunitari si ritirano all'ombra. Sono schiavi ma non lo sanno. E' primavera e lo sentono.

 

 

 

TANTI / Salento - 9 aprile 2012

Un paese del Salento. Di fianco alla Chiesa, gli uomini ammazzano il tempo. Prima di risalire in auto, rapido, da lontano, faccio loro un ritratto. Rapidi, da lontano, guardano in macchina, e si fanno un autoritratto.

 

 

 

TANTI / Piacenza - 2 giugno 2012 9:48

 

 

 

TANTI / Roma, via Merulana, 12 gennaio 2014

 

 

 

TANTI / Roma, Circo Massimo - 15 aprile 2014