Home FotoGrafie e Belle Arti Fotografie e Fotogrammi - Porti e Piazze
Fotografie e Fotogrammi - Porti e Piazze PDF Stampa E-mail
Indice
Fotografie e Fotogrammi
Porti e Piazze
Silenzi e Grida
Città e Paesi
Porte e Finestre
Fotogrammi
Nature vive e morte
Ritratti
Periferie e Muri
Due e Tanti
Tutte le pagine





PORTI / Roma, Stazione Tiburtina - 20 aprile 2014

 

 

 

PORTI / Roma, Stazione Ostiense - 28 settembre 2006 16:50

Passo di lato alla Stazione, mi colpisce la malinconia dei colori delle cose vive e morte, e mi torna in mente la risposta di un'amica alla domanda: "Cosa segna coloro che vivono in periferia?" Risposta secca: "La rassegnazione." Entra ora in campo questa donna a capo chino. Tiro fuori la digitale e scatto.

 

 

 

PORTI / Roma, Stazione Tiburtina - 10 marzo 2013

Foto scattata pensando a Carl Theodor Dreyer, che cercava di introdurre l'astratto nelle immagini del cinema.

 

 

 

PORTI / Aeroporto-non-ricordo-quale-forse-Santiago-de-Chile-forse-Madrid), 23 agosto 2009 17:28

La struttura forte della sala aeroportuale e la delicatezza della postura della donna in attesa. La violenza geometrica costrittiva del ponte-gabbia e la dolcezza svagata e spettinata dei colori pastello nei particolari interni ed esterni. La donna e i colori riscattavano la situazione e la oltrepassavano.
"L'haiku non è la gabbia delle 5 e 7 e 5 sillabe, ma l'uccello che ne è volato via e canta".

 

 

 

PORTI / Roma, Mercato di Campagna Amica al Circo Massimo - 8 giugno 2014

 

 

 

PORTI / Bergamo, Aeroporto - 13 settembre 2010 21:37

Bergamo, aeroporto, sera-notte, durante l'attesa dell'aereo per Roma. Vedo questi due così amichevolmente o amorevolmente dialoganti e mi dico: Rendi testimonianza, Pasquale, dei due e degli umani che li dintornano. Sì, ma come fare, senza turbarli, distrarli dal loro assorbente rapporto? Mi trovo a pochi metri, e allo scoperto. In casi come questo mi viene in aiuto la mia esperienza di cacciatore (formata tra l'infanzia e l'adolescenza): mimetizzarsi, non fare movimenti bruschi, essere dolcemente deciso e spietatamente preciso. Poi, al computer, ho desaturato: il colore commerciale degli aeroporti turba e distrae.

 

 

 

PORTI / Roma, Stazione Termini - 11 settembre 2006 19:23

Tanti i fotografi, tanti i modi di fare foto. Il mio non è di andare in giro per fare foto. Cammino tenendo in tasca la digitale. Cammino, respiro, osservo, entro in relazione col mondo grande e terribile. E quando certe cose, persone, situazioni, mi colpiscono e mi feriscono, rendo testimonianza del coltello e della ferita. Diceva Robert Capa (il fotografo del miliziano colpito a morte nel 1936) che se le foto non sono buone vuol dire che non si è abbastanza vicini. Concordo, e aggiungo: vuol dire che non si è abbastanza feriti.

 

 

 

PORTI / Istanbul, Aeroporto - 17 maggio 2006 16:01

Nella bolgia di un aeroporto-fiera-bivacco, tra mille colori, rumori, voci - un bambino meravigliosamente concentrato, silenzioso, leggero. Tiro fuori la digitale, taglio fuori tutto e tutti e documento il piccolo principe in partenza.

 

 

 

PORTI / Palermo, Porto - 20 giugno 2008 11:16

Camminando fra le banchine di un porto del meridione italiano, e guardandomi intorno, ho sentito muoversi qualcosa dentro di me. Ho ri-sentito, ho ri-visto, con stupore allucinato, l'approssimazione, la sciatteria, l'abbandono, dei paesi della Calabria ionica - laddove sono nato e ho vissuto l'infanzia e l'adolescenza. E quando continuando sono passato accanto a questi cani, e nel mio campo visivo sono entrati insieme questi ferri, questo cemento, questa pietra, queste lastre, questo manto stradale, questo intonaco, questa ombra, questa luce, ho scattato una foto. Il linguaggio delle cose e il torrente dei sentimenti parlavano con una voce sola.

 

 

 

PORTI / Genova, Stazione Principe - 1 ottobre 2007 16:28

Genova. Banchina della Stazione, in attesa del treno. Una coppia giovane con due valige tra me e la città. Parlottano, a un tratto lasciano le valige e fanno pochi passi - verso il telefono? il bar? il giornalaio? Non li guardo nemmeno, sono le valige abbandonate sulla banchina che mi commuovono, non so perché - ma non bastano per una foto, sento il bisogno di qualcosa ancora. Dio solo sa cosa. Tiro fuori la digitale automaticamente, disperato, e vedo con la coda dell'occhio un colombo avanzare a passo svelto tra loro e me, "ho un colpo solo", mi dico, 'quando si trova nel vuoto tra le due'. Click.

 

 

 

PORTI / Rotterdam, Aeroporto - 4 gennaio 2007 10:14

Lo Spazio e il Tempo guidano insieme il flusso delle mie intuizioni, orientano i miei occhi e muovono le mie mani. Ero in un aeroporto e c'era questa struttura architettonica prepotente, della quale faceva parte un uomo immobile e curvo. Ho isolato e bloccato questo Spazio con una inquadratura che ha cancellato la massa dei viaggiatori brulicanti. Il Tempo è intervenuto nel momento in cui ho deciso di tirare fuori la digitale: cioè quando ho colto con la coda dell'occhio un bambino che giocava correndo e stava entrando in campo, e continua a muoversi grazie alla sfocatura.

 

 

 

PIAZZE / Arezzo, Piazza Grande - 11 marzo 2006

Entro a fianco di Alexandra nella Piazza Grande. Camminiamo, lentamente, immersi in una luce pasquale. Davanti a una finestra-vetrina mi fermo, vedo l'intero dell'istante, desidero far vedere, tiro fuori la digitale che da poco mi è stata regalata, compongo semplicissimamente l'inquadratura e scatto.

 

 

 

PIAZZE / Nicosia, Cipro - parte occupata dall'esercito turco dal 1974 / 19 maggio 2006

 

 

 

PIAZZE / Roma, Villa Celimontana - 20 agosto 2006 11:54

 

 

 

PIAZZE / Roma, Piazza Vittorio -15 settembre 2011 10:20

Costeggiando la piazza, poggiato sul muretto che regge la sua cancellata esterna, vedo un pezzo di pane e un brulichio al suo interno. Avanzo di due passi, mi fermo a osservare e sono investito da una pioggia di immagini-idee: il quadro di Courbet 'Il principio del mondo', l'insieme dei libri di scienza della storia e della politica che vado scrivendo con Luis Razeto sulla crisi della civiltà moderna, una scena di 'Angelus Novus' - quella 'soggettiva' del Poeta che apre il pollo e spezza il pane e l'acqua freme nel boccale, un delicato apparato genitale femminile aperto, l'insieme astratto della trama del travertino con le sue macchie e le sue gallerie combinato con la trama del pane con le sue caverne e le sue formiche... Come dare senso e forma a questa tempesta? Afferro la digitale e scatto.

 

 

 

PIAZZE / Lenola, Piazza principale del paese - 25 novembre 2010 11:04

Dall'altana di Luisella e Orlando assisto a un funerale. Mi colpisce un misto di rassegnazione e nervosismo. Tiro fuori la digitale e scatto.

 

 

 

PIAZZE / Roma, Piazza del Campidoglio - 6 aprile 2009 17:03

 

 

 

PIAZZE / Palermo, Piazza della Vergogna - 19 febbraio 2008 13:03